Rossiglione "the day after": si spala nel fango con rassegnazione - Genova 24
Conta dei danni

Rossiglione “the day after”: si spala nel fango con rassegnazione fotogallery

La testimonianza di un'abitante del palazzo investito dalla frana: "Sono scesa nel box a prendere gli stivali, mi sono girata e ho visto gli alberi passare"

Rossiglione danni

Rossiglione. Si spala fango in un’atmosfera in cui prevale la rassegnazione, legata a una fragilità del territorio sempre più frequente, ma si cerca di fare comunque buon viso a cattivo gioco alla luce del fatto che non ci sono state esondazioni devastanti e vittime.

Rossiglione si è messa al lavoro: pale alla mano e ruspe per liberare fondi, marciapiedi e strade, tra cui via Airenta, coinvolta da una serie di smottamenti che hanno anche investito un palazzo.

Una donna è stata tirata fuori da un box e racconta: “Avevo i pieni bagnati, sono scesa a prendere gli stivali, mi sono girata e ho visto gli alberi passare. Poi mi hanno tirato fuori. Lì per lì non ci ho fatto caso, ma poteva essere molto pericoloso”. La signora accusa: “Era da prevedere con i muretti abusivi che sono stati fatti e che nessuno ha detto di togliere”.

La consapevolezza che la situazione avrebbe potuto essere molto più drammatica dal punto di vista delle vite umane è ben presente tra gli abitanti, che non senza difficoltà stanno cercando di liberare auto sommerse dalla terra o box letteralmente sfondati.

Nel frattempo, a dare man forte ai rossiglionesi, arriveranno anche le squadre della protezione civile da Genova.

leggi anche
Rossiglione tra fango e pioggia
Il giorno dopo
Il 4 ottobre 2021 resterà negli annali della meteorologia: i dati da brivido delle precipitazioni
frana via airenta rossiglione
Rischio
“Vivi per miracolo”, il racconto della frana di Rossiglione che ha rischiato di fare una strage
Generico ottobre 2021
Appello
La sindaca di Rossiglione: “Noi colpiti da un flagello, senza aiuti non ci rialzeremo più”
Generico ottobre 2021
Emergenza
A Rossiglione 37 isolati dopo l’alluvione. Giampedrone: “Fondi regionali per riaprire le strade”