Proteste green pass in porto, si rischiano già forti ritardi per la raccolta dei rifiuti in città - Genova 24
Problema sanitario

Proteste green pass in porto, si rischiano già forti ritardi per la raccolta dei rifiuti in città

Un terzo della spazzatura indifferenziata viene trattata da Amiu da una pressa in area portuale ma i camion non vengono fatti passare

green pass protesta 15 ottobre

Genova. I blocchi ai varchi legati alle proteste contro il green pass che da ieri interessano diverse aree del porto di Genova stanno provocando problemi limitati all’operatività portuale ma disagi ben più grandi da un lato agli autotrasportatori fermi in coda ormai da oltre un giorno e – notizia dell’ultima ora – all’organizzazione della raccolta dei rifiuti della città di Genova.

Amiu ha a disposizione due maxi presse per il trattamento dei rifiuti indifferenziati (ne aveva tre, fino al crollo del Morandi e alla distruzione dell’area logistica di Campi). Due terzi dei rifiuti cittadini sono portati alla pressa della Volpara, un terzo alla pressa che si trova proprio in porto.

Dalle 10 di questa mattina i camion di Amiu non vengono più fatti passare dai manifestanti che stanno continuando a bloccare i varchi Etiopia (in entrata e in uscita), Albertazzi e San Benigno (solo in entrata), nella zona del porto di Sampierdarena.

In porto a Genova entrano, quotidianamente, circa 12 o 13 ecocompattatori di Amiu per utilizzare la pressa, camion che, in queste ore, sono dirottati sul centro di Volpara, ma con un problema di congestione e ritardi. Da Amiu fanno sapere che al momento la situazione è tutto sommato gestibile e la raccolta rifiuti a Genova non è sospesa ma se il blocco dovesse perdurare per altri due o tre giorni il problema diventerebbe molto serio. I manifestanti, a quel punto, sarebbero responsabili di un’emergenza di salute pubblica.

Al momento i blocchi proseguono. La digos e la questura si stanno occupando della protesta. Numeri non molto alti ma i contestatori del green pass al momento non hanno intenzione di spostarsi dai varchi. Da capire, inoltre, cosa accadrà nel pomeriggio con la possibile commistione del corteo di Libera Piazza con la protesta dei portuali.

leggi anche
sciopero no green pass 15 ottobre
Strategia?
Porto di Genova, la denuncia di Usb: “Aziende mettono lavoratori a controllare il green pass dei colleghi, inaccettabile”
Obbligo di green pass nei luoghi di lavoro, la protesta del 15 ottobre
Day after
No green pass, 500 in piazza e blocchi anche di notte ma il porto di Genova non si è fermato
green pass protesta 15 ottobre
Bilancio
Amt: “Servizio regolare nel primo giorno di green pass”. Domani meno del 5% di corse soppresse
proteste contro green pass 16 ottobre
Tensione
“A oltranza” le proteste no green pass di portuali e Libera piazza, corteo e blocchi ai varchi
no green pass terminal traghetti
Ancora
No green pass: “Non si può tornare indietro”. Proseguono a oltranza i blocchi ai varchi portuali