Protesta dei pescatori, in arrivo a Genova tesserati da tutta Italia: "Stanchi di essere ignorati" - Genova 24
Sabato 23 ore 9

Protesta dei pescatori, in arrivo a Genova tesserati da tutta Italia: “Stanchi di essere ignorati”

Attese diverse decine di manifestanti: "Pescheremo tutti insieme a De Ferrari"

Genova. “Questa manifestazione nasce da anni di divieti e soprusi morali subiti dalla nostra categoria, siamo stanchi di essere ignorati“. Questa è la determinazione dei pescatori genovesi e liguri che sabato prossimo daranno vita ad una manifestazione nel centro cittadino per protestare contro la mancanza di spazi adibiti a questa attività sportiva.

Una manifestazione che in queste ore sta ricevendo adesione da tutta la regione, e non solo: secondo le prime indiscrezioni sabato 23, il giorno previsto per la protesta, arriveranno in città decine di tesserati da ogni parte del nord Italia, soprattutto da Piemonte e Lombardia, regioni storicamente legate a doppio filo con il mare della Liguria.

Alla base delle proteste la mancanza di spazi dedicati a questa attività, che nel capoluogo ligure ha tradizionalmente sempre goduto di una grandissima e tradizionale popolarità. Negli ultimi anni però le cose sono cambiate, con gli accessi ai moli sempre più contingentati e cancellati, mettendo a rischio un settore dall’indotto robusto per la nostra regione. La ciliegina sulla torta è arrivata con la disdetta da parte di Adsp per la prima gara del campionato nazionale, che doveva svolgersi a Genova a fine settembre: “Una rinuncia che sicuramente non ha fatto fare una bella figura alla città presso il Coni e presso la Fipsas (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) – aveva raccontato Gianfranco Debilio, tesserato e titolare di un negozio di pesca del ponente genovese, tra gli animatori della protesta – per la prima volta nella storia di questa competizione la nostra città non sarà sede di campionato. Ovviamente la “nostra” tappa è stata accaparrata in poche ore da altre città, meno blasonate ma più capaci nell’organizzarsi. Ed è probabile che la perderemo per lungo tempo”.

Per questo motivo c’è grande attesa per la manifestazione di sabato 23: l’appuntamento è a De Ferrari dalle 9, dove si terrà un flash mob in tema, per poi spostarsi in corteo informale verso il Porto Antico, dove proseguirà l’agitazione dei pescatori: “L’obbiettivo è mostrare alla popolazione e chi amministra il sopruso sociale che stiamo affrontando e a quanti lo stanno causando. Forse rendendo pubblico il problema avremo una possibilità di essere considerati e comportandosi pacificamente ed educatamente un po’ del rispetto che in passato la categoria aveva”.

Generico ottobre 2021
La mappa della manifestazione
leggi anche
pesca sportiva
Non ci sono aree
Niente nazionali di pesca sportiva a Genova, i pescatori pronti alla protesta: “Stanno uccidendo il settore”
Manifestazione dei pescatori in piazza De Ferrari
Querelle
Pescatori sulla diga foranea, il Comune chiede chiarimenti a porto e capitaneria