Presidio dei tassisti in piazza De Ferrari contro l'abusivismo, "Subito regole certe per le App" - Genova 24
Sciopero

Presidio dei tassisti in piazza De Ferrari contro l’abusivismo, “Subito regole certe per le App”

"Da tre anni attendiamo dal Governo i decreti attuativi volti a regolamentare soprattutto la gestione del lavoro tramite App e piattaforme online"

Generico ottobre 2021

Genova. Uno sciopero nazionale dei taxi contro l’abusivismo e per chiedere regole certe per le App e i siti che offrono servizi di trasporto. Anche i tassisti genovesi questa mattina sono scesi in piazza a manifestare, parcheggiando circa un centinaio di taxi intorno alla fontana di piazza De Ferrari.

Il presidio a Genova si è tenuto dalle 9 alle 13 e ha coinvolto esclusivamente l’area di De Ferrari, senza creare ripercussione sul traffico cittadino.  La giornata di sciopero proseguirà fino alle 22 di oggi.

In particolare la mobilitazione è stata indetta da alcune sigle sindacali, per chiedere che sia completato il processo di riforma del comparto, a partire dalle norme necessarie a disciplinare le piattaforme di intermediazione digitale, come Uber, e a contrastare i fenomeni di abusivismo.

“Lo sciopero è una sorta di pressione al Governo affinché metta mano ai decreti attuativi – spiega Leonardo Asinelli di Federtaxi Cisal – decreti che si attendono da tre anni e che una volta completati andranno a chiudere la legge 21/92 sulle norme che regolano le piattaforme online. Nel frattempo impera l’abusivismo, per questo non vediamo l’ora che si arrivi ad un punto fermo”.