Paganini Genova Festival tra musica e storia: appuntamento 25 e 26 ottobre - Genova 24
Cultura

Paganini Genova Festival tra musica e storia: appuntamento 25 e 26 ottobre

In programma un convegno internazionale di studi dal titolo “Paganini: genesi e eredità di un mito” e una conferenza concerto

Generico ottobre 2021

Genova. Un convegno internazionale di studi dal titolo “Paganini: genesi e eredità di un mito” e una conferenza concerto, nell’ambito del Festival della Scienza: questi gli appuntamenti del Paganini Genova Festival, in programma lunedì 25 e martedì 26 ottobre.

Lunedì 25 e martedì 26 ottobre, nella Sala dei Chierici della Biblioteca Berio, si tiene il convegno internazionale di studi “Paganini: genesi e eredità di un mito”, a cura del Centro Paganini per la ricerca e la didattica, con il patrocinio della Società Italiana di Musicologia.

I lavori si aprono lunedì 25 alle 15 e proseguono nelle due sessioni di martedì 26, alle 10 e alle 15. Presiedono Maria Rosa Moretti, Mariateresa Dellaborra, Anna Sorrento.

Nella prima giornata sono in programma gli interventi di Philippe Borer, Italo Vescovo, Davide Mingozzi, Andreas Lange, Tatiana Berford.

Nella seconda giornata, toccherà a Cecile Reynaud, Franco Sciannameo, Aude Randrianarisoa, Francesco Parrino, Anne Penesco, Danilo Prefumo, Mariateresa Dellaborra, Flavio Menardi Noguera, Stefano Termanini, Francesco Ottonello, Riccardo Del Prete, Claudio Pavolini.

Ingresso: gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili, con precedenza alle prenotazioni dei soci

Martedì 26 ottobre alle 17, all’Oratorio di San Filippo, si terrà la conferenza-concerto “Partiture musicali come mappe da decifrare”, in collaborazione con Festival della scienza e con Eutopia Ensemble, a cura di Matteo Manzitti, con esecuzioni di Ljuba Bergamelli.

Creata nell’ambito del Festival della Scienza, la conferenza-concerto affronta l’idea della partitura musicale come sistema di indicazioni, attraverso le quali l’interprete si orienta per ritrovare le intenzioni del compositore e trasformarle in esecuzione. Tuttavia, ciò che è prescritto non fornisce indicazioni univoche.

Matteo Manzitti è compositore, direttore d’orchestra e insegnante. Si è diplomato in composizione sotto la guida di Carlo Galante, si è perfezionato con Boris Porena e con Nadir Vassena; è interessato alla didattica della composizione, alla commistione tra i linguaggi e al ruolo della musica rispetto al contesto e all’attualità. Attivo nella realizzazione di progetti artistici multidisciplinari di ricerca, è direttore musicale dell’Eutopia Ensemble, specializzato in musica contemporanea, e direttore artistico del festival Le Strade del Suono.

Ljuba Bergamelli collabora con artisti come Bruno Canino, Giovanni Sollima, Muta Imago, Luca Veggetti, Divertimento Ensemble, Ensemble Nuovo Contrappunto, dédaloensemble, i Violoncellisti della Scala. Ha inciso per Stradivarius e ha registrato per la Rai Radio Televisione Italiana e per la trasmissione televisiva “Passepartout” di Philippe Daverio. È laureata in canto lirico ad indirizzo Novecento e Contemporaneo al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

leggi anche
statua paganini carlo felice
Monumento
Inaugurata la statua di Paganini davanti al teatro Carlo Felice: “È la scultura della sua anima”