Opere compensative Aspi, Rixi: "Serve un commissario con gli stessi poteri che ha avuto Bucci per il Morandi" - Genova 24
Commento

Opere compensative Aspi, Rixi: “Serve un commissario con gli stessi poteri che ha avuto Bucci per il Morandi”

"Bisogna fare presto e bene"

Generica

Genova. “Sulle opere compensative che Aspi dovrà realizzare in Liguria, mi auguro che ci sia da parte del governo la volontà di mettere un commissario che abbia gli stessi poteri che ha avuto il sindaco Bucci su ponte Morandi. Sono opere collegate a quel disastro, un unicum rispetto alla ricostruzione del ponte”.

Così all’agenzia Dire il deputato genovese e commissario della Lega in Liguria Edoardo Rixi, commentando l’accordo tra ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili e Autostrade per l’Italia sugli 1,455 miliardi di risarcimenti che la concessionaria riconoscerà a Genova in seguito al crollo di ponte Morandi.

“È evidente che i danni infrastrutturali creati non solo dal crollo del ponte, ma anche dalla mancanza di manutenzioni per anni nella nostra rete autostradale regionale, causano oggi un collasso delle nostre infrastrutture- aggiunge l’ex viceministro alle Infrastrutture- bisogna fare velocemente e bene opere che servono per alleggerire la viabilità sul nodo genovese”.

Dopo le parole di Rixi arriva subito il commento da parte del presidente della Liguria Giovanni Toti: “Se il governo decidesse di affidare a un commissario la gestione di quel pacchetto assieme alla nuova proprietà di Autostrade, potrebbe essere una via per snellire molte pratiche e alleggerire tutti di un’incombenza complessa”.

E continua: “Potrebbe essere sicuramente una strada possibile – afferma il governatore – al momento, abbiamo solo individuato una serie di interventi e stabilito una somma molto importante per la nostra città, che si aggiunge agli investimenti già avuti dai precedenti governi su questa partita e che, assieme a opere già previste come la Gronda, può completare un’infrastrutturazione all’avanguardia di Genova e della Liguria”.