Obbligo di green pass nei porti, il ministero ai terminalisti: "Tamponi gratis per i lavoratori" - Genova 24
Rischio caos

Obbligo di green pass nei porti, il ministero ai terminalisti: “Tamponi gratis per i lavoratori”

Ieri una riunione interministeriale a palazzo Chigi si è conclusa con un invito alle aziende per ridurre il rischio di caos negli scali

psa porto di pra' container genova

Genova. Il ministero dell’Interno in una lettera inviata a tutte le prefetture ha chiesto di sollecitare i terminalisti dei porti italiani affinché “valutino di mettere a disposizione del personale sprovvisto di green pass test molecolari o antigienici rapidi gratuiti”.

Il timore del ministero è quello dalle gravi ripercussioni economiche che potrebbero derivare” sull’operatività degli scali dalle defezioni dovute alla mancanza di green pass“. La lettera è stata inviata ieri sera al termine di una riunione di coordinamento interministeriale che si è tenuta ieri incentrata sui problemi che potrebbero derivare nei porti italiani da venerdì mattina, primo giorno di obbligatorietà del green pass per tutti i lavoratori del porto.

I sindacati dei trasporti a Genova chiedono da settimane l’impegno dei terminalisti a pagare i tamponi, ma finora non è stato possibile arrivare a un accordo. Proprio in questo ore si sta svolgendo l’ennesimo incontro in autorità portuale per tentare di arrivare a un accordo che consenta ai terminal di organizzarsi entro venerdì.

La situazione nei porti italiani, a cominciare da quello genovese, è particolarmente complessa anche per l’accesso nei terminal di centinaia e centinaia di lavoratori esterni ai terminal stessi a cominciare dagli autotrasportatori, spesso stranieri, tra cui molti non vaccinati oppure in vaccinati con Sputnik, vaccino non riconosciuto valido per il green pass.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Manca poco
Green pass nei porti, i sindacati: “Il 20% dei lavoratori non è vaccinato, il rischio è un calo dei traffici”