Green pass nei porti, i sindacati: “Il 20% dei lavoratori non è vaccinato, il rischio è un calo dei traffici” - Genova 24
Manca poco

Green pass nei porti, i sindacati: “Il 20% dei lavoratori non è vaccinato, il rischio è un calo dei traffici”

Tavolo con aziende e prefettura, le sigle sindacali chiedono di creare punti tampone ai varchi e negli autogrill. Ma resta il nodo sulla copertura dei costi

Generica

Genova. Manca pochissimo all’entrata in vigore dell’obbligo del green pass per accedere ai luoghi di lavoro e tra i settori dove l’ora x del 15 ottobre potrebbe avere effetti assai critici c’è quello portuale. Secondo i sindacati ammonta a circa il 20% la platea dei lavoratori non immunizzata, una percentuale non del tutto scientifica ma in linea con il dato nazionale. Si parla quindi di centinaia di persone che ogni giorno, per accedere al porto di Genova in varie vesti, dovrebbero effettuare o presentare un tampone negativo.

In queste ore si stanno susseguendo, nel capoluogo ligure, incontri tra sindacati del settore terminalisti, con autorità portuale e prefettura, per arrivare a un accordo che tenga insieme l’operatività dello scalo, il controllo sanitario, le questioni economiche legate ai costi. Un accordo che, a tre giorni dal 15 ottobre, sembra tutt’altro che vicino a essere trovato.

E questo nonostante il ministero dell’Interno abbia inviato una lettera a tutte le prefetture chiedendo di sollecitare i terminalisti affinché “valutino di mettere a disposizione del personale sprovvisto di green pass test molecolari o antigienici rapidi gratuiti”. La lettera è stata inviata ieri sera al termine di una riunione di coordinamento interministeriale che si è tenuta ieri incentrata sui problemi che potrebbero derivare nei porti italiani da venerdì mattina.

Le idee sul tavolo: punti tampone ai varchi e in autogrill. In base alle indicazioni del ministero e agli inviti delle prefetture ai terminalisti – si badi bene, inviti – i sindacati hanno proposto che per non bloccare i varchi si predispongano alcuni punti dove effettuare il tampone, almeno uno a San Benigno e uno a Pra’, e magari anche nei pressi degli autogrill più vicini ai porti. Anche la Culmv ha dato disponibilità a creare un point dedicato vicino al già esistente hub vaccini della Asl 3 alla sala Chiamata.

“Una cosa è certa – dice Giovanni Ciaccio, Uiltrasporti – non può essere il lavoratore a farsi carico del costo del tampone, questo è il punto fermo, poi resta da capire se i punti tampone saranno spalmati come costo tra le aziende o anche con l’autorità portuale o se invece solo tra le aziende, con convenzioni ad hoc, pacchetti appositi, eccetera”.

“Siamo attorno a un 20% di non vaccinati in porto – dice Enrico Ascheri, Filt Cgil settore porto – ma ci sono altri problemi, perché bisogna capire per i marittimi come ci si comporta, così come bisogna capire come ci si comporta con gli altri lavoratori che fanno parte del ciclo delle operazioni portuali, ad esempio spedizionieri e agenti marittimi, dove tutti dovrebbero avere il green pass, e poi c’è anche il tema dei controlli, come avverrà?“.

I sindacati sottolineano la presenza di lacune legislative. “Pensiamo ai marittimi, pensiamo al personale delle navi che battono bandiera estera dove non si applica la legge del territorio italiano, pensiamo ai lavoratori delle compagnie italiane già a bordo, ma come fanno ad avere il green pass quando sbarcano se non sono vaccinati? Non potranno scendere? E’ un tema ancora tutto aperto…”

Sulla questione green pass nei porti è intervenuto, a margine di un incontro a palazzo San Giorgio con il porto e la città di Miami, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. “Sicuramente qualche problema ci sarà – afferma – ma io credo che le soluzioni ai problemi date dai green pass siano assai superiori ai problemi che vivremmo altrimenti. Come noto il governo ha usato il green pass come grimaldello anche per incentivare la vaccinazione e pertanto il principale strumento per averlo deve essere la vaccinazione, il tampone deve essere considerato uno strumento residuale rispetto al vaccino, il mio invito a tutti i lavoratori è quello di. continuare a vaccinarsi e di farlo nel minore tempo possibile”.

Secondo Toti non ci sarà un problema di attesa: “I centri tamponi sono diffusi su tutto il territorio della regione – continua – abbiamo una capacità di tamponi molto alta di analisi sia nelle strutture pubbliche sia private, c’è un prezzo calmierato deciso dal governo, ci sono accordi di relazione industriali tra sindacati e mondo dell’impresa che possono in qualche modo fornire un supporto nei primi giorni, noi come Regione ci siamo nella consapevolezza che è politica governativa quella di considerare il vaccino la soluzione e non il tampone incentivato“.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Rischio
Green pass, Rixi: “Emendamento Lega per evitare caos marittimi e trasporto da 15 ottobre”
coda tir traffico porto
Mobilitazione
Porto, tir pronti alle barricate contro le attese ai terminal di Genova
psa porto di pra' container genova
Rischio caos
Obbligo di green pass nei porti, il ministero ai terminalisti: “Tamponi gratis per i lavoratori”