Festival della Scienza tra tecnologia e arte contemporanea: ecco il programma di domani - Genova 24
Nono giorno

Festival della Scienza tra tecnologia e arte contemporanea: ecco il programma di domani

In aggiunta al programma in presenza e online di conferenze ed eventi speciali sono aperte anche le 17 mostre e i 42 laboratori

Festival della Scienza

Genova. Nel nono giorno di Festival in programma nove conferenze, due eventi speciali e uno spettacolo: Il corvo che schiacciava le noci ai semafori (ore 9.30), Premio Nazionale Federchimica Giovani (ore 10.30), S+T+Arts Talks in Genova (ore 16), Mappe del vedere tra Oriente e Occidente: il caso di Giuseppe Castiglione pittore gesuita (ore 17.30), Vuoi tu prendere in spos* questa IA? (ore 17.30), Coloriamo il cielo (ore 18), Nuvole (ore 18) Un autismo o tanti autismi? (ore 18), Il nostro futuro CRISPR (ore 18.30), Navigare liberi (ore 19), Einstein’s Sonata (ore 21), Archeologia e Intelligenza Artificiale (ore 21.30). In aggiunta al programma in presenza e online di conferenze ed eventi speciali, sono aperte le 17 mostre e i 42 laboratori, i cui orari sono disponibili su www.festivalscienza.it.

Il programma

Alessandro Gozzi, direttore del Laboratorio di Neuroimaging Funzionale dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Rovereto, parla di disturbi cerebrali nella conferenza Un autismo o tanti autismi? delle ore 18 in Sala delle Grida di Palazzo della Borsa (anche in streaming).

Luigi Naldini, direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica, dialoga delle prospettive della correzione del patrimonio genetico con la biologa, giornalista e autrice Anna Meldolesi nell’incontro Il nostro futuro CRISPR delle ore 18.30 nella Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale (anche in streaming).

L’osservazione dallo spazio diventa strumento per la ricerca archeologica: lo racconta Arianna Traviglia, direttrice a Venezia del Centre for Cultural Heritage Technology dell’Iit, nella sua lectio magistralis Archeologia e Intelligenza Artificiale delle ore 21.30 nella Sala delle Grida di Palazzo della Borsa (anche in streaming).

Invece Vincenzo Levizzani, primo professore di una cattedra in Fisica delle Nubi in Italia all’Università di Bologna, si interroga sul futuro del pianeta a partire dai movimenti delle nubi nella lectio magistralis Nuvole delle ore 18 nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale (anche in streaming).

In programma alle ore 21 nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale (anche in streaming) la conferenza/spettacolo Einstein’s Sonata, una performance diretta dall’artista visiva Samantha Stella, nata da un progetto dell’astrofisica Valeriya Korol con il pianista Luca Ieracitano e Andrea Valle, docente di Semiotica e Programmazione Audio nella Performing Art dell’Università di Torino.

Sul futuro dell’intelligenza artificiale si esprimono Tiziana Catarci, dell’Università La Sapienza di Roma, Amedeo Cesta del Cnr, Maurizio Mori dell’Università di Torino e Giovanni Sartor dell’Università di Bologna e dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze, nella conferenza Vuoi tu prendere in spos* questa IA? delle ore 17.30 alla Biblioteca Universitaria di Genova (anche in streaming).

Alle ore 19, l’associazione culturale Narramondo porta in Sala Dino Campana del Teatro della Tosse Navigare liberi, spettacolo su quattro personaggi che hanno dato un contributo essenziale alla Cultura Open. Inoltre, alle ore 18 in largo Sandro Pertini, va in scena un flash mob in light painting dal titolo Coloriamo il cielo a cura dell’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova: un evento in cui bambini e adulti possono disegnare corpi celesti grazie a una speciale tecnica.

All’Ostello Bello (anche in streaming), ore 9.30, prosegue Snooze – Chiacchiere di scienza a colazione con Il corvo che schiacciava le noci ai semafori con il biologo e divulgatore scientifico Graziano Ciocca a far scoprire la fauna urbana e la sua evoluzione.

Continua anche Le mappe dell’Uomo dell’Università degli Studi di Genova con Mappe del vedere tra Oriente e Occidente: il caso di Giuseppe Castiglione pittore gesuita, con Elisabetta Corsi, Lauro Magnani, Enrico Terrone alle ore 17.30 all’Università degli Studi di Genova (via Balbi 5).

Assobase e PlasticsEurope Italia sono presenti anche quest’anno al Festival della Scienza con il momento conclusivo e la premiazione online del Premio Nazionale Federchimica Giovani (ore 10.30).

Infine, dalle 16 alle 19 (solo in streaming) va in onda la seconda parte di S+T+Arts talks in Genova, che approfondisce il tema del rapporto tra scienza, tecnologia e arte contemporanea, in un confronto sullo sviluppo di nuovi processi innovativi che scaturiscono dall’incontro tra artisti, ingegneri e scienziati.

Il programma digitale

Oltre al programma in presenza, il progetto La scienza va in onda!, realizzato grazie al supporto della Fondazione Compagnia di San Paolo e in collaborazione con Orientamenti, offre un palinsesto completamente digitale composto da 59 attività online tra laboratori, incontri e visite guidate virtuali riservate alle scuole. In questo modo gli studenti e i loro insegnanti possono anche partecipare direttamente dalle classi o da casa, scegliendo tra laboratori online (digilab), webinar e incontri in live streaming (digitalk) e visite virtuali ai principali istituti di ricerca (digitour).

I digilab di venerdì 29 ottobre

Partendo da un’inchiesta giornalistica del gruppo Gedi, il digilab Quando il gioco è un azzardo – I rischi della dipendenza comportamentale, organizzato da Alisa da giovedì 21 a venerdì 29 ottobre (ore 10-13), approfondisce la differenza tra gioco e azzardo e come quest’ultimo stimoli il cervello arrivando anche a causare dipendenza comportamentale.

Il 22, il 25, il 27, il 29 ottobre e il 3, il 5, l’8, il 10, l’11 e il 12 novembre L’Infn in Onde gravitazionali e mappe celesti (ore 10-11) presenta il Virtual Observatory, un repositorio di mappe astrofisiche e relativi software per esplorarle, usato quotidianamente dalla comunità scientifica internazionale per la ricerca delle sorgenti di onde gravitazionali provenienti dallo spazio.I ricercatori di diversi istituti della rete Cnr campana tornano protagonisti dal 27 al 29 ottobre in Alla ricerca di un equilibrio tra Uomo e Terra (ore 10-13), mettendo l’accento su percorsi interdisciplinari per la sostenibilità ambientale, economica e socio-culturale.

Tra letteratura, linguistica e informatica, l’Associazione Italiana di Linguistica Computazionale, e l’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale in È Dante o non è Dante: questo è il problema, in calendario da mercoledì 27 a venerdì 29 ottobre (ore 10-13), sfida a pensare insieme Dante e intelligenza artificiale, giocando con il risultato di modelli automatici per la generazione del linguaggio e mettendo a confronto testi letterari autentici, testi generati automaticamente da modelli statistici e testi scritti dalle classi “nello stile dell’autore”.

In M come matematica, M come mondo la Curvilinea Società Cooperativa, dal 27 al 29 ottobre (ore 10-13), racconta in un digilab ricco di programmi interattivi le diverse applicazioni della matematica tra statistica, automi cellulari, algoritmi, logica, biologia e cartografia. Sempre dal 27 al 29 ottobre Veronica Beatini, Daniela Doda e Chiara Panzi accompagnano gli studenti in un viaggio alla scoperta del brain mapping dal titolo Gli esploratori del cervello (ore 10-13).

In Pandemia – Scegli la tua storia, in calendario dal 27 al 29 ottobre (ore 10-13), la Fondazione Umberto Veronesi sfida le classi in un webgame educativo che fa calare alunne e alunni nei panni di decisori politici che devono gestire una nuova infezione sconosciuta.

Dante è il tema centrale anche di L’amor che move il Sole e l’altre stelle, curato dall’Agenzia Spaziale Europea giovedì 28 e venerdì 29 ottobre (ore 8.30-14): un viaggio interattivo alla scoperta delle rappresentazioni dell’Universo tra letteratura, fisica, storia e metodo scientifico.

I digitour venerdì 29 ottobre

Venerdì 29 ottobre (ore 10), l’Infn conduce gli studenti in una visita guidata all’esposizione permanente dedicata alla storia della fisica nucleare e delle particelle in Alla scoperta del Bruno Touschek Visitor Centre e di DAΦNE – Visita guidata virtuale ai Laboratori INFN di Frascati. Infine, l’esposizione online Tour online della mostra Super! (ore 11) sulla superconduttività e sulle sue applicazioni attuali e future del Cnr.

I digitalk di venerdì 29 ottobre

Si continua con il digitalk del 29 ottobre (ore 9) Visitors dall’Atlantico – Lungo le rotte dei grandi mammiferi marini in collaborazione con Area Marina Protetta Isola di Bergeggi, Artescienza s.a.s, One Ocean Foundation, Slam con Giulia Calogero e Biagio Violi che conducono ragazze e ragazzi alla scoperta dei movimenti dei cetacei per sensibilizzare ed educare sulla presenza di questi giganti nei nostri mari.

I biglietti e le prenotazioni sono acquistabili online sul sito del Festival: www.festivalscienza.it e tramite il call center (tel. 010 8934340). È attiva nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale una biglietteria, ma si incoraggia il pubblico a privilegiare l’utilizzo dei servizi e-commerce online e telefonico.

Questi i costi dei biglietti: giornaliero intero 13 euro, ridotto 11 euro, ridottissimo 9 euro, abbonamento standard intero 21 euro, ridotto 18 euro, ridottissimo 12 euro, premium (con prenotazioni gratuite per il titolare dell’abbonamento) 30 euro; i bambini fino ai 5 anni non pagano. Gli abbonamenti standard hanno validità per tutti i giorni e tutti gli eventi del Festival e includono anche la fruizione degli eventi in streaming.

Per l’offerta online è disponibile l’abbonamento live streaming al costo di 10 euro. Sono presenti in programma alcuni eventi gratuiti. Il biglietto Scuola, riservato agli studenti che partecipano al progetto scuole (costo 9 euro), equivale a un abbonamento standard e consente quindi di fruire di tutto il Festival, sia in presenza sia online. La prenotazione (costo 0,50 euro) agli eventi in presenza è fortemente consigliata per il pubblico generico, mentre è obbligatoria (e gratuita) per le classi.