Cgil, Cisl e Uil Liguria, in 1500 verso la manifestazione nazionale antifascista a Roma - Genova 24
In viaggio

Cgil, Cisl e Uil Liguria, in 1500 verso la manifestazione nazionale antifascista a Roma

L'appuntamento è in programma per sabato 16 ottobre, a Roma, in piazza San Giovanni

presidio cgil

Genova. “L’ attacco squadrista avvenuto la settimana scorsa alla sede nazionale della Cgil è l’ultimo e gravissimo atto di una serie di attacchi di gruppi estremisti che hanno colpito in questi ultimi mesi le sedi dei sindacati confederali con atti vandalici” – scrivono le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil della Liguria.

E continuano: “Di tali accadimenti abbiamo sempre informato le forze dell’ordine. Questa escalation che rievoca gli anni più bui della nostra storia vanno fermati: occorre contrastare chiunque oggi strumentalizza gli effetti della pandemia a scopi destabilizzanti. Cgil, Cisl e Uil della Liguria parteciperanno, con una loro delegazione, alla grande manifestazione indetta dai sindacati confederali nel pomeriggio di sabato 16 ottobre, a Roma, in piazza San Giovanni”.

“Questi attacchi, culminati nell’ignobile irruzione nella sede della Cgil nazionale di domenica scorsa, sono un’aggressione e un attacco al mondo del lavoro e a quell’idea di democrazia che incarna da sempre il sindacato confederale – dichiarano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Liguria Fulvia Veirana, Luca Maestripieri, Mario Ghini – Chiediamo che le organizzazioni neofasciste, neonaziste ed eversive che ancora oggi soffiano sul fuoco del disagio sociale, vengano messe al bando e sciolte per legge. È nostro impegno tenere alti i principi e i valori della nostra Costituzione, come hanno fatto le nostre madri e i nostri padri costituenti, come hanno fatto coloro i quali ci hanno preceduto nella nostra missione sindacale. Ci mobilitiamo per tenere fede alla nostra missione: sostenere il mondo del lavoro e i cittadini in un momento di grande difficoltà per tutti”.

La delegazione di Cgil Cisl e Uil della Liguria si muoverà verso Roma con oltre 1500 persone tra lavoratrici, lavoratori, pensionati pensionate e dirigenti sindacali.