Busalla, Jacopo Zunino: "Siamo stati sfortunati, spero che cambi il vento" - Genova 24
Post partita

Busalla, Jacopo Zunino: “Siamo stati sfortunati, spero che cambi il vento”

"Abbiamo fatto molto bene, meglio dell'avversario, però alla fine nel calcio vince chi la butta dentro"

Genova. Al termine della partita persa 2-1 col Baiardo, Jacopo Zunino, difensore del Busalla, riassume così quanto accaduto sul campo del XXV Aprile: “Nel calcio vince chi la butta dentro. Noi abbiamo avuto diverse occasioni, anche sullo 0 a 0 abbiamo sbagliato un gol. Abbiamo preso gol alla fine del primo tempo, poi ci siamo rimboccati le maniche e nel secondo tempo siamo rientrati molto bene in campo. Siamo riusciti a pareggiarla e poi subito dopo abbiamo ripreso gol“.

La fortuna non ha assistito i biancoblù, che nel primo tempo hanno visto uscire due degli undici titolari. “Purtroppo è un periodo così: abbiamo fatto un’ottima prestazione, ci mancavano tanti elementi – spiega Zunino -. Anche oggi siamo stati sfortunati, con due infortuni. Spero che cambi il vento“.

Anche due settimane prima il Busalla era stato sconfitto in trasferta, ma questa volta la partita ha avuto ben altro andamento. “Col Rivasamba purtroppo avevamo perso male – ricorda il difensore -. Avevamo giocato bene la prima mezz’ora, poi avevamo spento la luce. Invece oggi è stata una sconfitta diversa: abbiamo fatto molto bene, meglio dell’avversario, però alla fine nel calcio vince chi la butta dentro“.

Zunino ha dato tutto fino all’ultimo istante di gioco. “Non mollo fino alla fine. Volevo pareggiarla, non volevo perdere. Quando sono dentro al campo mi trasformo, finché non finisce. Mi rode proprio perdere, anche nelle partitelle di allenamento ma soprattutto alla domenica” conclude.

leggi anche
Fabrizio Barsacchi
Parola al ds
Baiardo, Fabrizio Barsacchi: “Siamo contenti del percorso che stiamo facendo, onore al Busalla”
Baiardo
Quarta giornata
Eccellenza: l’Angelo Baiardo ha la meglio sul Busalla per 2 a 1
Gianfranco Cannistrà
Parola al mister
Busalla, Gianfranco Cannistrà: “Sono orgoglioso e soddisfatto della mia squadra”