"atto squadrista"

Assalto alla Cgil, Pastorino: “Sciogliere i partiti fascisti Forza Nuova e Casapound”

"Stiamo assistendo a giochi di parole per non esprimere una posizione netta sulle organizzazioni estremiste. Qualsiasi contiguità con chi fa il saluto romano o attinge dalla simbologia del Ventennio, compie un atto che ferisce la democrazia"

Generico ottobre 2021

Genova. “I fatti di ieri a Roma sono gravissimi e inaccettabili per una democrazia. L’attacco alla sede della Cgil è un evento che ci riporta al Ventennio, un’azione squadrista che conferma come la minaccia fascista sia sempre viva e pericolosa. Al segretario Landini e all’intero sindacato va la mia solidarietà. Ma non basta. Da tempo è depositata una mia proposta di legge alla Camera per arrivare al sequestro dei beni e allo scioglimento di partiti neofascisti, come Forza Nuova e Casapound. Si proceda celermente alla discussione e all’approvazione di quel testo dopo il giusto confronto in commissione e in Aula”.

Lo dichiara il deputato ligure Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu, nonchè neo eletto sindaco di Bogliasco, in commento agli episodi avvenuti ieri a Roma a margine della manifestazione nazionale contro il green pass.

“Se – aggiunge Pastorino – i partiti di destra presenti in Parlamento, e penso a Lega e Fratelli d’Italia, vogliono davvero dimostrare la lontananza da quei movimenti, si uniscano all’impegno di approvare quella legge. Stiamo assistendo a giochi di parole per non esprimere una posizione netta sulle organizzazioni estremiste. Qualsiasi contiguità con chi fa il saluto romano o attinge dalla simbologia del Ventennio, compie un atto che ferisce la democrazia”.

leggi anche
Generico ottobre 2021
Polemica
Forza Nuova e assalto alla Cgil, bufera su Sansa: foto di Mussolini per criticare Toti & Co
giovanni toti treno
Diplomatico
Scioglimento Forza Nuova, Toti: “Decide la magistratura, strumentalizzazioni indeboliscono la battaglia”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.