"A oltranza" le proteste no green pass di portuali e Libera piazza, corteo e blocchi ai varchi - Genova 24

Genova. Il giorno dopo l’entrata in vigore delle norme del governo che impongono il green pass per lavoro a Genova le proteste non si fermano e, anche se hanno avuto una ricaduta tutto sommato limitata sulla vita cittadina, la tensione resta alta ai varchi portuali dove i blocchi – in particolare a varco Etiopia e varco Albertazzi – non si sono mai conclusi.

Non solo, sembra sempre più forte il legame tra la protesta portuale e quella del comitato Libera Piazza.

Alcuni lavoratori delle banchine, infatti, si sono presentati a De Ferrari dove c’erano come ogni sabato centinaia (forse anche più di mille) no green pass e no vax e li hanno accompagnati durante il corteo per le vie del centro.

Intanto, restano a Sampierdarena centinaia di camion ad attendere fermi in coda, praticamente parcheggiati da ore e ore, in lungomare Canepa. Circa un chilometro di serpentone di mezzi pesanti visto che i manifestanti permettono il transito ai varchi solo ai tir che trasportano merce deperibile (cibo, farmaci) e pullman di passeggeri di crociere e traghetti.

A causa del blocco dei varchi Etiopia e Albertazzi si rischiano ritardi per la raccolta dei rifiuti in città. Alcuni mezzi Amiu sono stati bloccati – non senza qualche scontro – fuori dal porto e non hanno potuto portare l’indifferenziata alla pressa dove ogni giorno viene trattato circa un terzo dei rifiuti genovesi. Amiu al momento sta gestendo la situazione dirottando i camion sulla Volpara, ma se i blocchi proseguiranno anche solo che un paio di giorni le ripercussioni saranno gravi.

“Andiamo avanti a oltranza”, dicono alcuni manifestanti. Un centinaio quelli ancora presenti ai varchi di Sampierdarena, dove stanno arrivando viveri e coperte, ma nelle prossime ore potrebbero avere man forte proprio dal comitato Libera Piazza che già da ieri sta lanciando ripetuti appelli alla solidarietà sulla propria chat di gruppo spronando gli iscritti a unirsi ai blocchi.

leggi anche
Obbligo di green pass nei luoghi di lavoro, la protesta del 15 ottobre
Day after
No green pass, 500 in piazza e blocchi anche di notte ma il porto di Genova non si è fermato
green pass protesta 15 ottobre
Problema sanitario
Proteste green pass in porto, si rischiano già forti ritardi per la raccolta dei rifiuti in città
no green pass terminal traghetti
Ancora
No green pass: “Non si può tornare indietro”. Proseguono a oltranza i blocchi ai varchi portuali
toti no green pass blocchi porto
Il commento
Blocco ai varchi portuali dei no green pass, Toti: “La protesta non può bloccare un paese che vuole ripartire”