Quantcast
"non ero io"

Video hard, la candidata savonese Giusy Rizzotto nella bufera: “Devo mettermi il burqa?”

Ha fatto il giro del web in poche ore. Scattata la denuncia contro ignoti: "È una mia sosia"

Savona. Nelle ultime ore in città si parla solo di lei: Giusy (Giuseppina) Rizzotto, candidata alle elezioni comunali di Savona per Forza Italia, già descritta dai giornali di mezza Italia come “bomba sexy” per le immagini che la ritraggono sul materiale elettorale. Ora bersagliata di “attacchi” sui social perché insieme alle foto ha iniziato a circolare un video pornografico di una ragazza che lei sostiene essere una sua sosia.

Mi sembra l’era del burqa. E’ allucinante che debba coprirmi per far capire cosa ho da dire. Ascoltate le persone, non guardatele solo”, attacca Rizzotto. Che stamattina ha presentato la denuncia contro ignoti “perché – spiega la Rizzotto – ritengo che il video in questione sia stato costruito e pubblicato solo al fine di diffamarmi e discriminarmi, come donna, come mamma e nella mia azione politica”.

Quando mi sono candidata pensavo di parlare di politica, di progetti, di cose che riguardassero la città e come migliorarla – afferma Giusy Rizzotto ai microfoni di IVG.it -. Sono una persona che lavora nello spettacolo e nel mondo del web, sono quindi abituata alle fake news, ma sono indignata perché mi è stato accusato il fatto di essere troppo esposta come donna. E’ brutto questo nel 2021. La gente dovrebbe soffermarsi a parlare con una persona e a capirla piuttosto che guardare un libro e vedere solo la copertina. L’unica cosa che chiedo è questo. Cerchiamo di fare una campagna elettorale puntando sui fatti, sui progetti e su quanto si deve fare e non ad attaccare una persona. Sembra che vogliano distogliere l’attenzione sul non fatto o il non fare”.

Giusy Rizzotto, infine, tiene a riassumere i punti cardine del suo programma elettorale: “Il mio sogno è quello di far diventare Savona una città turistica, con più eventi e manifestazioni, ma questo si può fare solo con la collaborazione dei cittadini, come tendendo aperti i negozi anche la domenica. Vorrei inoltre dare attenzione ai cani, con delle zone dedicate loro in modo che il centro resti pulito. Negli ultimi anni i cani sono stati esclusi in questa città. Vorrei poi che i giovani siano coinvolti, facendo dei programmi con le scuole in modo che questi ragazzi si sentano parte della città” conclude.

“E’ una donna che ha commesso la triplice colpa di essere non solo una bella donna, ma anche un’imprenditrice di successo e da qualche giorno candidata di Forza Italia nella coalizione di centro destra a sostegno del candidato sindaco Schirru”, commenta il sindaco di Alassio Marco Melgrati.

“Devo tornare sul tema del rispetto e dei facili clichet che sfocia nell’insulto, nella denigrazione. Il terreno assai fertile è nuovamente quello dei social, incontrollato e sempre più coacervo di bassezze a basso costo – riprende il sindaco -. Ho già dovuto affrontare questo tema in occasione della serata organizzata dal Comune di Alassio con Vladimir Luxuria”.

“Giusy non ha certo bisogno di essere difesa da me – conclude Melgrati -, è una donna forte e capace, lo sta dimostrando con questa pronta reazione. Sono certo lo dimostrerà ancor più negli incarichi amministrativi che andrà a ricoprire”.

Più informazioni