Quantcast
Il presidio

Protesta dei no green pass davanti al Tribunale di Genova: “I giudici difendano la Costituzione”

Una ventina di manifestanti davanti a palazzo di Giustizia per ribadire il no al lasciapassare 'verde'. Domani nuovo corteo

no green pass

Genova. Protesta questa mattina dei ‘no green pass’ davanti al tribunale di Genova. Una ventina di manifestanti si sono dati appuntamento con altrettanti cartelli per protestare contro l’atteggiamento della magistratura che a loro avviso non tutela i diritti costituzionali ribadendo che il green pass è discriminatorio e non difenderebbe dal contagio.

“Giudici solo voi potete far valere lo stato di diritto applicando la legge e la costituzione” recita un cartello”, “no alla neo democrazia della divisione” recitato un altro. E ancora: “Il lavoro, la sussistenza la dignità sono diritti di tutti” e “Mentre il diritto muore la magistratura rimane silente”.
Domani consueto appuntamento in piazza, come ogni sabato, per il movimento che vorrebbe costituirsi i un vero e proprio comitato.

L’appuntamento per domani è alle 16.30 in piazza De Ferrari dove si terranno diversi interventi, poi alle 18.15 la partenza del corteo che avrà alcuni ‘obiettivi’ di protesta, dall’ordine dei medici “che da quasi due anni perseguita chi – si legge nella chat degli organizzatori – in scienza e coscienza si impegna per curare e i malati e dire la verità”, ai sindacati confederali bollati come “cagnolini obbedienti che approvano il green pass e i connessi licenziamenti” a Confindustria “che vuole il lasciapassare proprio per licenziare”.

Più informazioni
leggi anche
No green pass manifestazione 31 luglio
Proteste
No green pass, sabato a Genova corteo contro l’ordine dei medici: “Perseguita chi dice la verità”
No green pass, settimo sabato in piazza
Protesta
No green pass, settimo sabato in piazza e corteo in centro: “Toti e Draghi devono dimettersi”
No green pass, lavoratori della scuola e della sanità in piazza a Genova
Contrari
Green pass a scuola, Anief proclama lo sciopero per il 15 settembre: “Sanzioni inaccettabili”