Prolungamento metrò, terminata la demolizione del palazzo di via Ariosto: rientro a casa in serata per i cittadini trasferiti - Genova 24
Fatto

Prolungamento metrò, terminata la demolizione del palazzo di via Ariosto: rientro a casa in serata per i cittadini trasferiti

L’obbiettivo è avere la nuova stazione entro la fine del 2022

via ariosto

Genova. Sono terminate questa mattina le operazioni di demolizione del palazzo di via Ariosto, a Certosa, “sacrificato” per i cantieri di prolungamento della metropolitana genovese in direzione Rivarolo.

Si tratta del civico numero due, già vuoto da tempo, che ha avuto la ventura di trovarsi sul tracciato della linea: durante le operazioni sono stati trasferiti temporaneamente i residenti dell’adiacente civico 4, che da questa sera potranno fare rientro alle proprie abitazioni.

L’obbiettivo è avere la nuova stazione entro la fine del 2022. Il prolungamento della tratta della metropolitana tra Brin e Canepari, in Valpolcevera, sarà di 750 metri. Il progetto prevede l’utilizzo di parte del sedime ferroviario interessato dalla linea merci Campasso-bivio Fegino, di proprietà di Rfi ma il cui acquisto da parte del Comune è stato deliberato alla fine di giugno per 1,1 milioni di euro. Tale linea ferroviaria è attualmente dismessa, ma sarà riattivata da RFI nell’ambito del potenziamento del nodo ferroviario di Genova e dei lavori del Terzo Valico.

Sarà mantenuta la distanza tra i binari già presente sulla linea in esercizio. La spalla finale della tratta in viadotto sarà collocata subito a valle del sottopasso di via S. Bartolomeo della Certosa. La tratta di linea in rilevato sarà confinata tra la linea ferroviaria in corso di progettazione da parte di RFI e la viabilità ordinaria (via Vedovi/via Mansueto). Di conseguenza, per l’inserimento della piattaforma metropolitana sarà realizzato un leggero allargamento verso est rispetto all’attuale area ferroviaria.

Inoltre, nel quadro dei lavori della nuova tratta Brin-Canepari è previsto anche l’adeguamento idraulico del rio Maltempo e di altri rivi. I lavori sono stati avviati all’inizio di agosto ma attualmente sospesi.

La conclusione del primo lotto di lavori è prevista per fine ottobre, quando sarà già stato deciso come rendere compatibile il cantiere del secondo lotto di lavori con quello della metropolitana, che sarà allestito in piazza Palli (lato via Piombelli) e che si svilupperà per circa un terzo della piazza stessa, andando a interessare anche il sottopasso di via Tasso.