Quantcast
Riparazioni navali

Nel porto di Genova un nuovo parcheggio da 800 posti, ma saranno tutti a pagamento

Da domani 407 stalli saranno a disposizione degli operatori del Salone Nautico "sfrattati" dal cantiere del Waterfront

parcheggio ex orteca riparazioni navali

Genova. Un nuovo parcheggio in area portuale da oltre 800 posti, di cui 407 (per la precisione 393, più 10 per disabili e alcuni posti moto) disponibili già da domani per espositori e allestitori del Salone Nautico di Genova “sfrattati” dal cantiere del Waterfront. Gli stalli si trovano suddivisi tra l’ultimo piano e il tetto del capannone ex Ortec, area in concessione a Ente Bacini adiacente alla Fiera, ed sono stati inaugurati oggi a una settimana dalla partenza della kermesse, anche se in realtà la copertura dell’edificio era già parzialmente usata come piazzale per la sosta.

Da ottobre in poi, una volta terminato il salone, il parcheggio rimarrà in gestione a Ente Bacini che offrirà gli stalli in abbonamento alle aziende del comparto industriale e nautico del porto. Dunque si tratterà in ogni caso di posteggi a pagamento. L’assegnazione dei parcheggi ai futuri fruitori avverrà tramite la manifestazione di interesse che nei prossimi giorni sarà pubblicata sul sito www.entebacinigenova.it, veicolata anche attraversi i canali di Confindustria sezione Nautica. Ancora non è chiaro se alcuni stalli saranno messi a disposizione del Salone Nautico anche per le prossime edizioni.

“Anche un parcheggio come questo per Genova è importante, oggi mettiamo un’altra pietra per il futuro della città e dei nostri figli”, ha commentato il sindaco Marco Bucci. I lavori, eseguiti da Ente Bacini, hanno incluso il rifacimento totale della segnaletica orizzontale, il consolidamento del piazzale, il controllo dei presidi antincendio e dell’illuminazione, il ripristino dei tratti ammalorati e la rimozione della vegetazione infestante, intervento integrato in questi giorni da Autorità di Sistema Portuale.

parcheggio ex orteca riparazioni navali

La nuova struttura permetterà di eliminare la sosta selvaggia dalle banchine, ma durante l’inaugurazione è arrivata la contestazione di alcuni lavoratori delle riparazioni navali: “Si parla di 650 euro all’anno per un posto auto. Perché dobbiamo pagarlo noi? Prima su questo piazzale potevamo parcheggiare gratis“.

A placare gli animi, oltre a Bucci e al presidente di Ente Bacini Mauro Vianello, ci ha pensato il presidente dell’Autorità portuale Paolo Emilio Signorini: “È normale che si faccia un piano di rientro per l’investimento, troveremo un punto civile di incontro tra questa esigenza e quella degli imprenditori di trovare un costo in qualche modo sostenibile per i lavoratori. Non siamo qui per fare soldi dai parcheggi”.

“Questo lavoro è frutto di sinergia fra enti, riteniamo di aver dato una prima soluzione al problema parcheggi che sono fondamentali per Genova e anche per la parte industriale del porto – ha commentato Vianello -. Basta un colpo d’occhio per vedere la necessità degli spazi e di ordine lungo la viabilità del comparto dove quotidianamente passano mezzi pesanti operativi”. “Grazie a un lavoro di squadra, nell’anno in cui il Salone Nautico ha fatto segnare il tutto esaurito, abbiamo riqualificato questo parcheggio che permetterà di dare un servizio agli operatori nonostante i lavori in corso per il Waterfront”, ha aggiunto Saverio Cecchi, presidente di Confindustria Nautica.

fiera waterfront padiglione blu jean nouvel

Fino al 24 settembre potranno accedere al parcheggio i mezzi in possesso del pass con QR Code, rilasciato dall’organizzazione del Salone Nautico, entrando dal varco di Levante su via dei Pescatori. Il parcheggio rimarrà aperto dalle 7.30 alle 20.30. L’ingresso e l’uscita saranno presidiati da personale di vigilanza nel periodo dell’esposizione. Sarà possibile accedere al piano copertura con l’ascensore all’interno della rampa o con ascensore e corpo scala lato nord Levante, mentre le scale lato Ponente potranno essere utilizzate esclusivamente ai fini di uscite di emergenza.

leggi anche
porto genova traghetti navi riparazioni navali
Green ports
Recovery fund, il porto di Genova chiede 35 milioni per elettrificare le riparazioni navali