Quantcast
Online

Minacce no-vax al presidente Toti sulle chat Telegram, indagano Digos e polizia postale

"Il prossimo della lista sei tu", "Farti fuori è poco", "Al muro anche lui" e "Tu verrai ammazzato" sono alcune delle minacce

Generica

Genova. La Digos di Genova e gli investigatori della polizia postale indagano sulle minacce apparse sulle chat di Telegram anche contro il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Il governatore è finito nel mirino dei no-vax in uno dei canali finiti adesso sotto la lente degli inquirenti. “Il prossimo della lista sei tu“, “Farti fuori è poco“, “Al muro anche lui” e “Tu verrai ammazzato” sono solo alcune delle minacce postate dagli utenti.

Gli inquirenti hanno visto che alcuni partecipanti alle chat finite nel mirino avrebbero lanciato diverse azioni di “disturbo”: dall’occupazione dei binari ai presidi sotto i palazzi delle istituzioni fino al sabotaggio delle campagne vaccinali, anche se finora nessuna di queste proteste ha visto una adesione massiccia.

Le chat Telegram dei no-vax facinorosi però non sono facilmente raggiungibili. Come hanno appurato gli inquirenti si può arrivare ai canali sono dopo alcuni step, passaggi di chat in chat fino all’approdo a quelle più riservate.

Inoltre nei vari gruppi gli utenti avrebbero ruoli ben determinati: dai guardiani fino ai guerrieri. Al momento sono 8 le persone indagate per minacce. L’idea della procura è quella di riunire i vari fascicoli e di contestare eventualmente lo stalking e l’istigazione a delinquere.

Più informazioni
leggi anche
Generico agosto 2021
Bersaglio
Pioggia di commenti no-vax, Toti prepara le denunce: ecco chi sono i molestatori della “W rossa”
Matteo Bassetti medico
Bersaglio
Minacce via social a Bassetti, 8 persone denunciate dalla Digos: “Situazione insostenibile”
bassetti
A palazzo
“Esco di qui più forte”, Bassetti sentito in procura a Genova dopo le minacce no vax
Generico settembre 2021
Episodio
Lancio di uova sull’auto di Toti a Spotorno: “Cari no-vax, la prossima volta portatele cotte”