Interrogativi

Messa in sicurezza del ponte Traso, Rossetti (PD): “Quali le proposte della Regione per non bloccare la viabilità?”

"Abbiamo presentato un'interrogazione a risposta scritta denunciando le gravi condizioni del Ponte Traso, in Valbisagno. E ora apprendiamo che le verifiche avviate da Anas non sono state comunicate alle amministrazioni coinvolte come al Comune di Bargagli"

Pippo Rossetti

Genova. “È dei primi di settembre la notizia dell’inizio degli interventi sui problemi strutturali del viadotto Traso, con conseguenti variazioni del traffico come il senso unico alternato e delle chiusure totali o parziali dei due tunnel di vallata (Scoffera e Ferriere) di collegamento tra la Val Trebbia e la Val Fontanabuona per interventi di messa in sicurezza. Ma cosa sta facendo la giunta regionale per limitare i disagi alle persone che si devono spostare su queste direttrici?”, si domanda il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti dopo l’inizio dei lavori per la messa in sicurezza del ponte.

Rossetti continua: “Come Partito Democratico già il 23 aprile 2021 abbiamo presentato un’interrogazione a risposta scritta denunciando le gravi condizioni del Ponte Traso, in Valbisagno. E ora apprendiamo che le verifiche avviate da Anas non sono state comunicate alle amministrazioni coinvolte come al Comune di Bargagli”.

E conclude: “Visto che la Regione aveva detto che avrebbe contattato Anas per avere aggiornamenti, chiediamo di sapere quali interlocuzioni la Regione ha avviato con ANAS e quali sono state le proposte per rendere il meno impattante possibile la situazione rispetto al programma dei cantieri previsti su queste arterie”, conclude il consigliere del Partito Democratico”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.