Quantcast
Violenza

Marassi, detenuto psichiatrico aggredisce il comandante del carcere

l detenuto nascondeva lamette in bocca ed è stato fermato giusto in tempo dal personale accorso

carcere marassi

Genova. Un detenuto psichiatrico del centro clinico nel carcere di Marassi intorno a mezzogiorno, oggi, ha colpito e aggredito il comandante della polizia penitenziaria dell’istituto. A darne notizia è segretario regionale della Uilpa Fabio Pagani.

L’episodio si è verificato nella sezione quarta del centro clinico dove un detenuto psichiatrico , ha aggredito con una serie di pugni il comandante del carcere. “Il detenuto nascondeva lamette in bocca ed è stato fermato giusto in tempo dal personale accorso, al comandante – dichiara Pagani – giungano i sensi della nostra sincera e viva solidarietà nella speranza che possano al più presto ristabilirsi le condizioni di salute, ma soprattutto morali”.

“Analoga vicinanza e solidarietà esprimiamo a tutti i nostri colleghi vittime delle proditorie aggressioni da parte dei detenuti – continua – purtroppo la quotidianità delle frontiere penitenziarie è connotata da questi episodi di violenza che vedono vittime designate il personale operante in prima linea”.

“Sarebbe ora che non solo al Dap, ma anche al ministero della Giustizia attivassero un vero tavolo di confronto sulle tante criticità che affogano il sistema penitenziario nel mare dell’inefficienza, dell’inciviltà e dell’illegalità. La sconvolgente sequela di suicidi, l’inverosimile quantità di aggressioni perpetrate in danno del personale penitenziario, la moltitudine di gesti autolesionistici, il grave sovrappopolamento , dovrebbero imporre serie ed approfondite riflessioni e la ricerca di quelle soluzioni possibili che si continua a voler ignorare”, conclude.

Più informazioni