Quantcast
Discussione

Leonardo, vendita sistema di automazione: la Cisl parla di “accanimento incomprensibile”

"Per la Fim Cisl l'unica scelta possibile, giusta e sensata è che la BU Automation rimanga nel perimetro di Leonardo, investendo e valorizzando le tante giovani risorse presenti"

leonardo sede

Genova. “Siamo sconcertati dalle parole dell’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, il quale ha ribadito la volontà di vendere la BU Automation Systems” – affermano Christian Venzano, segretario generale della Fim Cisl Liguria, e Marco Longinotti della Fim Cisl Genova.

Leonardo infatti conferma la ricerca di un partner con prospettiva industriale, in grado di rilevare, nel tempo, la divisione Automazione di Genova dell’azienda. Si tratta di un piano noto già da alcuni mesi, contro cui si stanno mobilitando, a più riprese, le organizzazioni sindacali territoriali.

“Ricordiamo che il fulcro di Leonardo è a Genova e che la produzione non ha risentito di rallentamenti, nonostante il difficile momento economico e occupazionale che stiamo attraversando” – spiegano Venzano e Longinotti.

E continuano chiedendosi come mai questo accanimento verso “un importante Gruppo costituito da alte professionalità che anche in questi mesi così complicati è riuscito a essere protagonista sui mercati internazionali”.

“Rischiamo – proseguono – di perdere tecnologia e know-how: con questa politica miope che porta a vendere ogni volta che ci sarebbe da investire si rischia indebolire la presenza di Leonardo sul territorio genovese”.

Infine Venzano e Longinotti concludono: “Quando finalmente il Governo prenderà una decisione chiara e inequivocabile? È il momento delle scelte: per la Fim Cisl l’unica scelta possibile, giusta e sensata è che la BU Automation rimanga nel perimetro di Leonardo, investendo e valorizzando le tante giovani risorse presenti”.