Quantcast
La chicca

Il fustagno dei camalli del ‘500 per Injeans, l’unico marchio di jeans 100% made in Genova fotogallery

In via Pré, nel giorni di Genova Jeans, lo showroom. In esposizione anche un foulard che racconta la storia del tessuto

Injeans azienda tessile

Genova. Nei giorni della kermesse Genova Jeans, uno dei negozi di via Pré – la strada simbolo della manifestazione – si trova la bottega temporanea (più una vetrina, in realtà) dell’unica marca di jeans ideata e realizzata a Genova.

“La particolarità di questo tipo di capi – spiega Gino Repetto, fondatore di Injeans Genova – è che abbiamo utilizzato il vero jeans dei ‘camalli’ del 1500, un fustagno composto da lino e cotone e tinto di blu”. Quella, appunto, la tela utilizzata anche dai lavoratori del porto, nei secoli, prediletta perché particolarmente resistente e facile da lavare.

Made in Genoa a tutti gli effetti i pantaloni da uomo e da donna, le camicie, gli accessori griffati Injeans. Perché l’iniziativa è portata avanti insieme a Rosso35, una factory di abbigliamento che ha sede nel quartiere di Carignano, e in collaborazione (per le borse) con un artigiano della pelle nel quartiere del Carmine, “Flavio”.

“Creare e produrre a Genova ovviamente ci costa molto di più che se dovessimo farlo altrove – continua Repetto, già conosciuto a Pré per un’innovativa società che realizza occhiali – ma per noi è importante dare una forte impronta locale”.

Nella bottega di Pré, in esposizione, anche alcuni foulard coloratissimi. L’illustrazione, ideata dal designer Simon Clavière-Schiele, si chiama “Jeanswar” e rappresenta la controversia che oppone da anni le città di Nimes e di Genova relativamente alla paternità dei blue jeans.

La storia in un disegno che sarà esposto a palazzo Bianchi nel corso della mostra Il trionfo della virtù, si vedono un grifone, simbolo di Genova, e un alligatore, simbolo di Nimes, un telaio – che rappresenta i luoghi nella città francese dove i jeans venivano tessuti – e i fiori dell’indaco di oriente – con i quali la tela veniva tinta a Genova, infine il Golden Gate di San Francisco, ovvero gli Usa, dove i carichi di jeans venivano mandati e dove questo tipo di tessuto venne modernizzato.

I prodotti Injeans, veri e propri pezzi di artigianato, non si possono comprare in via Pré nei giorni della manifestazione – è concessa solo l’esposizione – ma sono disponibili sul sito internet del marchio Injeans e si possono scoprire anche attraverso i social.

leggi anche
Genova Jeans apertura
Ci siamo
Genova Jeans prende il via, archiviate (per ora) le polemiche il centro storico si tinge di “blue”