Quantcast
Aspettando il campionato

Eccellenza, girone B, Gianfranco Cannistrà: “Punto sul giusto mix tra giocatori di alto livello e giovani dalle interessanti potenzialità”

In un torneo a 11 squadre è fondamentale partire con il piede giusto ed affrontare ogni gara come fossa un autentico spareggio

Sestrese-Busalla
Busalla.  Il calcio d’agosto, le gare di Coppa sono state messe alle spalle e,finalmente, e  arrivata l’ora dei tre punti.
La squadra del direttore sportivo Aldo Mignacco, che si è aggiudicata, in settimana, il diritto alle prestazioni sportive di Luca Minutoli (ex Goliardica, Albissola, Ligorna), si è preparata al meglio, consapevole che in un torneo a 11 squadre, bisogna partire con il piede giusto ed affrontare ogni gara come fosse un autentico spareggio.
 Il Busalla riprende dopo la lunga sosta, che tipo di campionato ti aspetti dalla squadra?
“Vogliamo disputare un campionato tranquillo, che ci permetta di consolidare la categoria –  afferma mister Gianfranco Cannistrà –  entrare, al termine della prima fase, nelle prime cinque squadre,  è un obiettivo da raggiungere, poi tutto quello che verrà in più sarà ben accetto”.
Hai a disposizione giocatori di esperienza, di elevato tasso tecnico, quanto sono importanti nella crescita dei giovani a disposizione?
“Sono fondamentali, perché  ti consentono di abbinare buoni risultati alla crescita dei tanti giovani presenti nella nostra rosa, il resto lo fa il lavoro, la voglia di emergere ed una società come la nostra, che ti mette in condizione di operare al meglio”.
Può essere l’anno  di Edoardo Repetto, attaccante, classe 2000?
“Deve esser l’anno di Edoardo, che pur essendo ancora giovane (ndr, classe 2000) ha già un buon bagaglio di esperienza.
Repetto è un giocatore di grande qualità fisica e tecnica, deve convincersi che può fare il salto di qualità”.