Quantcast
Episodio

Carcere di Pontedecimo, detenuto per violenza sessuale prende a pugni un agente della penitenziaria

Il poliziotto ha perso i sensi. L'autore dell'aggressione, per futili motivi, è un 35enne

carcere pontedecimo

Genova. Un agente della polizia penitenziaria del carcere di Pontedecimo a Genova è stato aggredito a pugni e schiaffi da un detenuto. L’intervento del personale di polizia penitenziaria ha permesso di mettere in salvo l’agente che, colpito ripetuto, aveva perso i sensi ed è stato poi ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio.

A darne notizia è Fabio Pagani, segretario regionale della Uilpa, sindacato di polizia penitenziaria: “Ci risiamo, ancora una grave aggressione ai danni della polizia penitenziaria. I poliziotti continuano a riportare, non in pochi casi, lesioni anche di natura permanente. Sono mediamente due al giorno le aggressioni dei detenuti ai danni degli operatori penitenziari in tutto il Paese, rispetto alle quali si registra la sostanziale inerzia del Ministero e, più in generale, del Governo”.

L’autore dell’aggressione avvenuta nel carcere di Pontedecimo è un uomo di 35 anni. Deve scontare una condanna fino al 2028 per i reati di violenza sessuale, rapina e resistenza. L’aggressione nei confronti dell’agente della polizia penitenziaria sarebbe avvenuta per futili motivi.