Quantcast
Venerdì 10 settembre

Busalla, al via “Paganini e dintorni”: anteprima del “Paganini Genova Festival 2021″

Novità importante di questa edizione, una ricca anteprima nel mese di settembre con un ciclo di otto appuntamenti, intitolati a Paganini e dintorni che toccheranno vari luoghi del Genovesato, oltre ad alcuni spazi cittadini

Generico settembre 2021

Genova. Prende il via venerdì 10 settembre a Busalla, a Villa Borzino, alle ore 21, “Paganini e dintorni”, anteprima del “Paganini Genova Festival 2021”.

Il Festival, organizzato dall’Associazione Amici di Paganini con la Regione Liguria, il Comune di Genova, la Fondazione Teatro Carlo Felice, il Conservatorio “N.Paganini” di Genova e la Fondazione Hruby, premiato quest’anno dal Ministero della Cultura con l’inserimento nel FUS, il Fondo Unico per lo spettacolo, è giunto alla sua quinta edizione e proporrà, come è ormai tradizione, una serie di appuntamenti di richiamo nel mese di ottobre.

Il programma completo verrà presentato nelle prossime settimane; ci si limita qui a segnalare il primo e l’ultimo appuntamento della kermesse: l’inaugurazione tenuta il 4 ottobre a Casa Paganini dal duo violino-pianoforte Nancy Zhou e Stefano Musso; e il concerto conclusivo che vedrà impegnato il violinista vincitore del Premio Paganini nel 2018, Kevin Zhou con la pianista Elisa Tomellini (Oratorio di San Filippo, 28 ottobre).

Novità importante di questa edizione, una ricca anteprima nel mese di settembre con un ciclo di otto appuntamenti, intitolati, appunto, Paganini e dintorni che toccheranno vari luoghi del Genovesato, oltre ad alcuni spazi cittadini.

Programma del primo week-end

Venerdì 10 settembre a Busalla (Villa Borzino, ore 21) Riccardo Agosti, primo violoncello nell’Orchestra del Teatro Carlo Felice proporrà musiche di Johann Sebastian Bach (Suite n.3), Hindemith (Cello Sonata op. 25 n.3), Piatti (Capricci per violoncello solo op. 5 nn.1,6,9,10) e Paganini (trascrizione dal Capriccio n.14 M.S.25).

Ingresso: 5 euro, gratuito per i soci e per i ragazzi fino a 12 anni.

Nato a Genova nel 1965, Riccardo Agosti si è diplomato presso il Conservatorio “N. Paganini” sotto la guida del M° Nevio Zanardi. Ha successivamente studiato con il M° Rocco Filippini presso l’Accademia Stauffer di Cremona e con il Prof. Michael Flaksman presso la Staatliche Hochschule fur Musik di Heidelberg-Mannheim, dove ha conseguito il Konzertexam (diploma solistico), diventando suo assistente in alcuni corsi estivi in Italia e in Germania.

Ha partecipato a numerosi masterclass con importanti violoncellisti fra cui Yo-Yo Ma, Natalia Gutman e Daniel Shafran. Per diversi anni membro dell’ E.C.Y.O (“European Community Youth Orchestra”) ha partecipato a numerose tournée in Europa e in Asia, sotto la direzione di importanti Maestri quali Claudio Abbado e Sir Georg Solti. Giovanissimo, ha vinto il concorso di Primo Violoncello presso il “Teatro Carlo Felice” di Genova, ruolo che ricopre attualmente. Ha effettuato concerti solistici sotto la guida di Maestri come Daniel Oren, Yoram David e Juanjo Mena. È stato invitato come spalla all’Opera di Roma, alla Rai di Torino, al Teatro Regio di Torino, alla Scala di Milano, al Maggio Musicale Fiorentino e al Teatro San Carlo di Napoli.

Docente e tutor della sezione violoncelli presso l’Orchestra Giovanile Italiana a Fiesole. Ha tenuto corsi di perfezionamento in diverse città italiane. Dedica particolare interesse allo studio e all’esecuzione di musica contemporanea collaborando con varie ensemble.

Da sempre dedito alla musica da camera, ha suonato al fianco di importanti musicisti quali: Salvatore Accardo, Cristiano Rossi, Bruno Giuranna, Franco Petracchi, Quartetto di Cremona.
Per la casa discografica Dynamic ha registrato l’integrale dei quartetti con chitarra di Niccolò Paganini, i trii di Camillo Sivori e i duetti di Paganini con il violinista Stefan Milenkovich.

L’ 11 settembre (ore 21, Sori, Oratorio di S.Erasmo) si esibirà il chitarrista Michele Trenti , vicepresidente degli “Amici di Paganini” e direttore artistico del “Paganini Genova Festival 2021”. Il programma prevede brani di Paganini (Sonatina M.S. 85 n.1, Tre Ghiribizzi M.S. 43, Sonata M.S. 84 n. 32), Sor (Tre studi op. 31 n. 20, op. 35 n. 22 e op. 6 n. 11), Giuliani (Variazioni su un tema di Haendel, op. 107) Llobet (Due canzoni popolari catalane: Canco del lladre; El noi de la mare), Bersano (Capriccio), Tarrega (Due preludi: Oremus; Endecha) e Sor (Variazioni su un tema di Mozart, op. 9).

Ingresso: 5 euro, gratuito per i soci e per i ragazzi fino a 12 anni.

Nato a Genova, Michele Trenti ha studiato chitarra con Anselmo Bersano; ha intrapreso quindi gli studi di pianoforte e composizione trasferendosi a Graz (Austria) per frequentare, presso la Hochschule für Musik und Darstellende Kunst i corsi di composizione, con Ivan Eröd, e direzione d’orchestra, con Milan Horvat, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode nel 1988. Dal 1988 al 2004 è stato direttore artistico dell’Associazione Filarmonica Genovese. Nel 1989 ha fondato l’Orchestra Filarmonica Giovanile di Genova divenendone Direttore Principale.

Nel 1992 ha curato a Genova le manifestazioni musicali per le celebrazioni del 500° anniversario della scoperta dall’America. Dal 1997 al 1999 è stato vicepresidente dell’AMI-Associazione dei Musicisti Italiani, con sede a Pesaro. Nel 2003 è stato incaricato del progetto finanziato dalla Commissione di Bruxelles per la presentazione internazionale di Genova Capitale Europea della Cultura 2004, dirigendo una tournée nelle capitali dei Paesi dell’allargamento dell’Unione Europea. Il 1° gennaio 2004 ha diretto a Budapest il Concerto di Capodanno organizzato in collaborazione con l’Ambasciata Italiana. Sue composizioni ed arrangiamenti sono stati eseguiti e radiotrasmessi in tutto il mondo. Svolge attività di conferenziere e saggista.

Tra gli incarichi ricoperti: amministratore delegato della casa discografica Philarmonia; docente presso l’Università di Genova del corso di Elementi di musica e teoria del ritmo (corso di laurea in Scienze motorie); vicepresidente dell’Associazione Amici di Paganini di Genova. Nel 2012 ha ricevuto il premio Artista di Liguria. È Direttore Artistico del Paganini Genova Festival e Vicesegretario generale del Premio Paganini.

Domenica 12 settembre (ore 18) ci si trasferirà all’Oratorio di San Filippo, in via Lomellini a Genova, per ascoltare il giovane Quartetto Nannerl, formato da Yesenia Vicentini e Teresa Valenza (violini), Ruben Franceschi (viola) e Carola Puppo (violoncello). Il “menù” proposto, di sicuro richiamo, comprende Paganini (Quartetto n.1), Schubert (Quartettsatz) e Sostakovic (Quartetto n.8 op.110). L’Oratorio San Filippo, che in ottobre ospiterà gran parte degli appuntamenti del Paganini Genova Festival 2021, è una sede dal grande valore storico: fu proprio tra i marmi della meravigliosa sala che Niccolò Paganini, all’età di dodici anni, tenne il suo primo concerto da solista e diverse altre esibizioni.

Ingresso: 5 euro, gratuito per i soci e per i ragazzi fino a 12 anni.

Il Quartetto Nannerl, fondato nel 2017, è composto dalle prime parti dell’Orchestra Giovanile Regionale Paganini diretta dal M° Vittorio Marchese. Il quartetto è seguito all’interno del Conservatorio di Genova dal M° Carlo Costalbano. Nonostante la giovane età, ogni componente del quartetto sta intraprendendo una brillante carriera anche in ambito solistico, vantando importanti riconoscimenti e l’attribuzione di borse di studio. Nel 2019 il Quartetto ha partecipato alla rassegna musicale “Libi’n Selàa”, nell’autunno dello stesso anno ha accompagnato la violinista indiana Jyotsna Srikanth alla 28° edizione del “Festival Mediterraneo”. Da alcuni anni, infine collabora attivamente con il ”Paganini Genova Festival” e con il “Perosi Festival”.

Accesso e prenotazioni

L’ingresso ai primi tre concerti, di cui si allega la descrizione, costa 5 euro (gratuito per i soci e per i ragazzi fino a 12 anni). L’accesso alle sale sarà consentito fino all’esaurimento dei posti previsti dalla normativa vigente. La prenotazione è vivamente consigliata e – se confermata con il pagamento – sarà valida fino a 30 minuti prima dell’inizio del concerto. L’accesso agli spettacoli è consentito con Greenpass, tampone o certificato di guarigione da Covid. Le regole d’accesso potranno subire modificazioni sulla base di eventuali nuove normative. Anche la capienza delle sale è regolamentata dalla normativa vigente.

Più informazioni