Quantcast
Finalmente

Bolzaneto, tornano gli uffici dell’anagrafe: in via Pastorino anche un museo della montagna

Ma anche la Casa della Resistenza e la biblioteca di quartiere. Il Comune di Genova ha accordato l'investimento necessario richiesto dal municipio Valpolcevera

Generico settembre 2021

Genova. E’ una richiesta che il territorio avanza da anni – quella del ritorno degli uffici dell’anagrafe a Bolzaneto – tanto che ultimamente erano partite anche petizioni con centinaia di firme raccolte, mozioni e lettere. Finalmente è arrivato l’accordo tra il Comune di Genova e il municipio Valpolcevera. La civica amministrazione ha accolto la richiesta del presidente Federico Romeo di investire risorse per riaprire gli uffici demografici a Bolzaneto.

“È stata una richiesta che da anni il municipio ha portato avanti, insieme al territorio che nei mesi scorsi ha visto una raccolta di 1664 firme di cittadini bolzanetesi”, ha detto Romeo, soddisfatto, dopo l’incontro insieme all’assessora Mariarosa Tommasomoro con il vicesindaco Massimo Nicolò e l’assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi.

“Entro quest’anno sarà avviata la progettazione e il prossimo anno l’inizio dei lavori, come comunicato dall’amministrazione comunale”, continua Romeo che ringrazia, per aver supportato il municipio nel percorso, “anche i consiglieri comunali Cristina Lodi e Gianni Crivello”.

Il palazzo di via Pastorino, un edificio storico, centralissimo nel quartiere e vicino alla stazione ferroviaria, sarà ristrutturato e così suddiviso: al piano terra ci saranno gli uffici demografici e il museo della Montagna, al piano primo la Casa della Resistenza, che sarà intitolata a Edoardo Sanguineti. Il poeta abitava poco lontano, nelle case popolari di Begato, quella diga che in questi mesi sta scomparendo sotto i colpi delle ruspe.