Quantcast
Fispes

Atletica paralimpica ligure in rampa di lancio: due giovani in nazionale

Si tratta di Agnese Spotorno ed Emanuel Parodi della Polisportiva Quinto. Il tecnico Antonio Sollazzo: "Ragazzi straordinari"

Pista di atletica

Genova. Giovani liguri dell’atletica paralimpica in rampa di lancio. Convocazione in nazionale giovanile Fispes per Agnese Spotorno ed Emanuel Parodi della Polisportiva Quinto.

L’eco dei successi italiani alle Paralimpiadi e ancora al centro dell’attenzione e i risultati dei due giovani liguri fanno ben sperare per il futuro. Numeri importanti per i due che gareggiano nella categoria t20 che riguarda gli atleti con disabilità intellettiva. E così ora è arrivata la convocazione per uno stage in vista dei campionati mondiali Under20 che si terranno proprio in Italia, per loro una grande occasione.

Ad allenare e preparare i due giovani liguri da qualche anno è Antonio Sollazzo. Tanta passione e voglia di condividere e far crescere i ragazzi nel segno dello sport e della socializzazione. “È da un anno e mezzo che alleno Agnese, prima si allenava con i normodotati poi ha scoperto il mio gruppo ed è entrata a farne parte. Si è inserita molto bene e si trova a suo agio. Lei è una velocista, gareggia nei 100 e 200 metri, inoltre ha numeri importanti anche nel salto in lungo, il record italiano della categoria (non solo giovanile, ndr) è ad appena 4 centimetri dai salti che ha fatto registrare – spiega Sollazzo -. A novembre compirà 18 anni. Sono molto felice perché è una ragazza straordinaria e tutto il gruppo vive con soddisfazione la convocazione, si allena tre/quattro volte alla settimana ma pensiamo sia possibile aumentare gli allenamenti”.

Altro giovane convocato in nazione è Emanuel Parodi, anche lui della Polisportiva Quinto che si allena con il tecnico: “È con me da un anno, anche lui ha scelto di unirsi al nostro gruppo, in tutto siamo circa 25 ragazzi. Parodi è un mezzofondista, ha 19 anni e ha ottenuto grandi risultati nei diecimila metri dove ha vinto il campionato italiano e nei 5mila dove è arrivato secondo. Con noi si allena 5-6 volte alla settimana, siamo davvero tutti molto soddisfatti della e contenti della sua convocazione” conclude Sollazzo.