Quantcast
Finanziamenti

Alla Liguria altri 64 milioni per progetti di messa in sicurezza: infrastrutture, edifici pubblici e territorio a rischio idrogelogico

“Ci stiamo adoperando per accompagnare e assistere i Comuni coinvolti, per accertarci che sia andata a buon fine la ricezione dei fondi dello slot di febbraio"

Frana Savona via Cimavalle

Liguria. Buone notizie per 146 Comuni liguri: il ministero dell’Interno ha stanziato ulteriori 64 milioni per finanziare progetti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, investimenti di messa in sicurezza di strade, ponti, viadotti ed efficientamento energetico di scuole ed edifici pubblici.

I contributi sono quelli previsti dall’art. 1 comma 139 e seguenti della Legge di Bilancio 2019 (n. 145/2018) per la realizzazione di opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Ai quasi 74 milioni già stanziati a febbraio si aggiungono i 64 milioni assegnati a settembre in seguito al rifinanziamento del Fondo che ha consentito lo scorrimento della graduatoria, per un totale complessivo di oltre 138 milioni.

“Ci stiamo adoperando per accompagnare e assistere i Comuni coinvolti, per accertarci che sia andata a buon fine la ricezione dei fondi dello slot di febbraio, poiché ben conosciamo la condizione, soprattutto nei piccoli Comuni, di penuria delle risorse umane e tecniche disponibili, le quali fanno sì che possa capitare, alle volte, che si perda qualche scadenza”, afferma il direttore generale di ANCI Liguria Pierluigi Vinai.

“Allo stesso tempo – prosegue -, accompagniamo i Comuni in questo nuovo slot di assegnazione molto significativo. È necessario rilevare come il lavoro che ANCI a livello nazionale ha svolto in sede di costante e continuo negoziato col Governo è stato il fondamento che ha generato questa disponibilità di risorse che, ai fini della loro destinazione d’uso, sono ancor più necessarie”, conclude Vinai.

I Comuni beneficiari dell’ultima tranche devono confermare l’interesse a ricevere il contributo con comunicazione da inviare al Ministero dell’Interno, Direzione centrale Finanza locale, esclusivamente con modalità telematica, tramite il Sistema Certificazioni Enti Locali (“Area Certificati Tbel, altri certificati”) entro le ore 24 di giovedì 16 settembre 2021.

Più informazioni