Al via il G20, porto antico sorvegliato speciale tra cybersicurezza e tamponi per la tre giorni sulle infrastrutture - Genova 24
Internazionale

Al via il G20, porto antico sorvegliato speciale tra cybersicurezza e tamponi per la tre giorni sulle infrastrutture fotogallery

Delegati da tutto il mondo all’appuntamento ospitato nella “città del ponte”. A disposizione delle forze dell'ordine anche una rete videocamere in 5G e sistemi di intelligenza artificiale

Generico settembre 2021

Genova. Alcuni degli ospiti del G20 sulle infrastrutture e gli investimenti – il primo grande evento internazionale politico-economico dall’inizio della pandemia e il primo di questa caratura dai tempi del G8 2001 – sono già in città da qualche giorno. Un fine settimana non del tutto sfruttato, per via dell’allerta meteo, per scoprire le bellezze di Genova ma ci sono ancora tre giorni di tempo (27,28 e 29 settembre) e si sa che i partecipanti hanno in programma visite ai palazzi dei rolli, all’Acquario e al centro storico.

I Paesi ospiti. Esperti, amministratori, sottosegretari, referenti di affari internazionali da Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia, Spagna e Ue si incontreranno in tavoli in gran parte chiusi al pubblico se si eccettua la giornata di oggi, lunedì, con appuntamenti che potranno essere seguiti dai media accreditati.

Parola d’ordine sicurezza: l’area del porto antico – il G20 si svolge ai Magazzini del Cotone – è presidiata da quasi 200 agenti delle forze dell’ordine tra polizia compresa la digos, guardia di finanza, carabinieri e polizia locale. I percorsi tra i parcheggi e il centro congressi sono stati limitati in modo da essere più facilmente tenuti sotto controllo.

Sul fronte della tecnologia le telecamere del porto antico sono già in grado, da oltre un anno, di trasmettere dati in 5G e ad altissima definizione. In nome di una collaborazione con aziende informatiche e di telecomunicazione come Leonardo, Fastweb ed Ericsson: gli occhi elettronici sono programmati per il riconoscimento facciale e per individuare grazie a sistemi di intelligenza artificiale eventuali movimenti sospetti.

Inoltre tutti i computer e le reti a disposizione del centro congressi sono state controllate da esperti informatici per evitare eventuali intrusioni e hackeraggi.

Sicurezza anche per quanto riguarda la salute. L’accesso all’area del G20 è consentito soltanto con certificato di vaccinazione e, insieme a esso, il tampone negativo: una cautela in più rispetto al solo green pass. La Asl 3 genovese ha messo a disposizione un punto mobile per gli addetti ai lavori che non abbiano avuto la possibilità di effettuare precedentemente un tampone rapido.

I lavori entrano nel vivo alle 12.30 di oggi con la conferenza G20 High Level Conference on Local Infrastructure Investment: ci saranno i ministri alla Transizione ecologica Roberto Cingolani, all’Economia Daniele Franco e alle Infrastrutture Enrico Giovannini, collegato da remoto.

Tra i temi della giornata anche il “modello Genova”: al centro di un convegno nel pomeriggio e della sala allestita dal Comune di Genova con il sostegno di sponsor privati (Webuild, Fincantieri, Rina, Spinelli) e dedicata alla costruzione del viadotto Polcevera.

Più informazioni
leggi anche
fumo nave porto genova
Lettera aperta
Infrastrutture, da Genova l’appello ai grandi del G20: “Basta inquinamento dalle navi in porto”
nuovo ponte genova san giorgio
Evento
Al Porto Antico il G20 infrastrutture: i grandi del mondo verranno a conoscere il “modello Genova”
psa porto di pra' container genova
L'agenda
Da lunedì il G20 sulle infrastrutture: dal modello Genova al confronto sugli investimenti
G20 Infrastrutture
Forum
Il G20 sulle infrastrutture prende esempio da Genova, Bucci: “Non siamo più la città della tragedia”
nuovo ponte genova san giorgio
Realismo
G20, il monito del ministro Franco: “Il modello Genova? Riprodurlo altrove non è così facile”