Quantcast
Work in progress

Tigullio capitale italiana della cultura 2024: al via la fase operativa, gestione affidata a Roberto Daneo

Daneo ha curato il coordinamento del dossier per la candidatura di Milano Cortina ai Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali 2026

Bandiere blu genovesi 2021

Sestri Levante. Sestri Levante, Chiavari, Camogli, Recco, i quattro comuni promotori della candidatura del Tigullio e delle aree limitrofe quale Capitale italiana della cultura per il 2024 entrano nella fase operativa del lavoro per la realizzazione del dossier che conterrà il progetto culturale di territorio.

È stato infatti formalizzato ieri, con la firma dei quattro sindaci, il protocollo di intesa che regola i rapporti tra le amministrazioni e che rispecchia la volontà e le modalità di azione delle amministrazioni comunali per lo sviluppo e la promozione dei territori nell’ambito del progetto, dando gambe alla manifestazione di interesse alla candidatura che Sestri Levante, per conto dell’intero territorio, ha avanzato nelle scorse settimane.

La firma del protocollo è stato l’atto propedeutico all’affidamento dell’incarico di redazione del dossier di candidatura. We plan Srl, rappresentata da Roberto Daneo, è la società che le amministrazioni hanno scelto per la definizione della parte operativa della candidatura, operazione che verrà portata avanti insieme alle istituzioni e alle realtà associative.

Roberto Daneo

Roberto Daneo ha maturato negli anni una grande esperienza nella candidatura e nell’organizzazione di grandi eventi internazionali e nello sviluppo di progetti turistici e culturali di valorizzazione del territorio. Tra le altre cose, ha curato il coordinamento del dossier per la candidatura di Milano Cortina ai Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali 2026, è l’ideatore della proposta di ospitare un’expo universale e ed è stato direttore del Comitato di candidatura Expo Milano 2015 fino al momento dell’assegnazione, è stato consulente per la candidatura di Dubai a Expo 2020, consulente per la candidatura di Liegi a Expo 2017, consulente per la città di Milano per il programma di preparazione delle città (City Operations) in vista di Expo 2015, curatore del primo studio di fattibilità per Venezia e il Nord est 2019, finanziato dallo Studio Adacta di Vicenza.

Daneo ha un incarico di docenza presso l’Università Bocconi, nel Master in Management del Turismo. In precedenza, ha ricoperto incarichi di funzionario presso la Camera di Commercio di Milano e, nel 1993, è diventato funzionario della Commissione Europea, restando fino al 2001 nella Direzione per le Politiche Regionali, come coordinatore degli interventi dei Fondi Strutturali nel centro-nord Italia.

“Proseguiamo con azioni concrete il percorso per la realizzazione di questo progetto importante e ambizioso – dichiara la sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio -. La firma del protocollo e l’affidamento dell’incarico di redazione del dossier di candidatura. We plan Srl, rappresentata da Roberto Daneo sono gli atti propedeutici per un percorso di grande condivisione che ci conduca a costruire una proposta che al meglio rappresenti il valore del nostro territorio e che coinvolgerà istituzioni e realtà associative”.

“La firma del protocollo segna un momento importante per tutto il nostro territorio, per il Tigullio: lavorare insieme per dare avvio ad un progetto che guarda alla comunità e alle sue peculiarità, alla valorizzazione delle ricchezze e delle tradizioni come punto di partenza e di arrivo di un percorso di collaborazione in continua evoluzione.” dichiara il sindaco di Chiavari, Marco Di Capua.

Così l’assessora a turismo a cultura del Comune di Camogli, Elisabetta Anversa: “Portiamo avanti il cammino verso un’opportunità eccezionale per il territorio, un progetto di coesione unico nel suo genere che, al di là della candidatura, ci consente di lavorare sullo sviluppo turistico ed economico delle nostre città, per un turismo sempre più di qualità, sostenibile e attento ai valori della tradizione e della scoperta autentica”.

Conclude Enrico Zanini, assessore alla cultura del Comune di Recco: “Tra le umane attività la cultura è indubbiamente la più alta e questo ci rende orgogliosi di essere tra i promotori alla candidatura della Capitale della cultura 2024. Dopo questa prima fase propedeutica a dare gambe ai comuni promotori, il gruppo di lavoro entra finalmente nella fase operativa di preparazione dei vari progetti. Recco è cultura dello sport, della gastronomia, delle tradizioni e questi saranno i temi principali che svilupperemo insieme ad altri eventi culturali del nostro territorio.”