Quantcast
Buona la prima

Serie A femminile, la Sampdoria di Cincotta scrive la storia: 2-1 all’esordio contro la Lazio

Le blucerchiate sono riuscite nell’impresa di conquistare i tre punti contro le ottime biancocelesti di Carolina Morace festeggiando così la loro prima storica partita in Serie A

Ferrero fa visita alla Sampdoria Women

Roma. Buona la prima. Al “Campo Aquile” di Formello è stato un esordio indimenticabile nella Serie A per la Sampdoria Women: contro la Lazio Women le blucerchiate di mister Cincotta si sono infatti imposte meritatamente per 2-1 grazie al duo sudamericano Martínez-Rincón.

Il match ci messo soltanto 11 minuti a sbloccarsi: la colombiana Rincón ha suggerito per la guatemalteca Martínez, la quale a tu per tu con Ohrstrom non ha sbagliato segnando il primo storico gol doriano nel massimo campionato. La Samp poi è andata subito alla ricerca del raddoppio con un’ispirata Rincón, ma il pallone è terminato alto. Ci ha riprovato allora Martínez la quale – tra il 19’ e il 36’ – ha però trovato per ben due volte la strada sbarrata dal portiere biancoceleste.

La partita è quindi rimasta in bilico e, al 43’, per poco Martin non è riuscita a pareggiare i conti: traversa Lazio e intervallo trascorso in vantaggio per la Samp. In seguito, una volta rientrato dagli spogliatoi, il Doria ha successivamente accelerato: dopo soli tre giri d’orologio è infatti arrivato il raddoppio con un eurogol di Rincón. La numero 10 ha sparato un autentico missile che si è insaccato portando sul 2-0 il parziale.

Tramortite dal colpo subito, le ragazze della Lazio sono riuscite a rispondere soltanto poco dopo la mezz’ora con Castiello, letale nell’accorciare le distanze. Potrebbe essere la rete capace di dare avvio alla rimonta, invece la Samp ha tenuto fino all’ultimo, questo conservando tre punti pesanti e dal dolce sapore di storia.

Di seguito le formazioni ed il tabellino del match: 

Lazio 1-2 Sampdoria [reti: p.t. 11’ Martínez (S), 3′ s.t. Rincón (S), 31′ s.t. Castiello (L)]

  • Lazio (4-3-3): Ohrstrom, Gambarotta, Thomsen, Foerdos, Heroum, Cuschieri (31′ s.t. Di Giammarino), Mastrantonio, Castiello, Andersen, Martin, Visentin (1′ s.t. Pittaccio). A disposizione: Guidi, Savini, Glaser, Santoro, Mattei, Berarducci, Di Giammarino, Pittaccio, Labate. Allenatore: Carolina Morace.
  • Sampdoria (4-3-3): Babb, Novellino, Auvinen, Pisani, Giordano, Re, Fallico, Seghir (20′ s.t. Battelani), Rincón (26′ s.t. Helmvall), Tarenzi (47′ Spinelli), Martínez. A disposizione: Tampieri, Boglioni, Spinelli, Bursi, Battelani, Musolino, Bargi, Carp, Helmvall. Allenatore: Antonio Cincotta.
  • Arbitro: Luongo di Napoli.
  • Assistenti: Croce di Nocera Inferiore e Brunozzi di Foligno.
  • Quarto uomo ufficiale: Iacobellis di Pisa.
  • Note: ammonite al 6′ s.t. Re, (S) all’11’ s.t. Gambarotta (L); 1′ p.t. e 2′ s.t.; terreno di gioco in buone condizioni.
leggi anche
antonio cincotta, massimo ferrero, roberto d'aversa, carlo osti
Nuova avventura
Sampdoria femminile, Antonio Cincotta si presenta: “Siamo pieni di entusiasmo, daremo il meglio per questa maglia”