Quantcast
Brutta sorpresa

Sampierdarena, molesta la fidanzata di un poliziotto e all’arrivo degli agenti estrae una pistola

Il ventenne è stato fermato dai due poliziotti, che erano fuori servizio, e da altri colleghi giunti in aiuto

Generico agosto 2021

Genova. Notte movimentata in piazza Montano, a Sampierdarena. La polizia di Stato di Genova ha arrestato un cittadino rumeno di 20 anni per violenza o minaccia e resistenza a pubblico Ufficiale, denunciandolo inoltre per oltraggio, minacce, porto di armi e oggetti atti a offendere e rifiuto d’indicazione sulla propria identità personale.

L’uomo questa notte, notando una ragazza sola all’interno della propria auto ferma, appunto, in piazza Montano, ha iniziato adimportunarla: ha appoggiato una bottiglia di birra sopra il tetto della macchina e alle proteste della giovane ha riposto con pesanti minacce.

Fortunatamente il fidanzato della vittima insieme a un collega, entrambi poliziotti in servizio all’Ufficio prevenzione generale, stavano raggiungendo la ragazza e, dopo essersi qualificati poiché erano fuori servizio, hanno invitato il 20enne ad allontanarsi.

Il giovane però, con un movimento repentino, ha estratto dalla parte posteriore dei pantaloni una pistola, movimento subito notato dagli agenti che, per bloccarlo, sono stati colpiti più volte da gomitate al petto. Una volta disarmato, il ragazzo, rivolgendosi ai poliziotti e con tono molto alto, ha proferito frasi volgari e oltraggiose.

Con l’ausilio di alcune volanti, il rumeno è stato condotto in Questura dove, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso anche di un coltello da cucina, sequestrato insieme alla pistola che si è rivelata poi essere una Glock Gap calibro 8 mm a salve, priva di tappo rosso, con colpo camerato e 8 munizioni nel caricatore.

L’uomo, inoltre, nonostante le numerose richieste degli operatori, si è rifiutato di declinare le generalità. Questa mattina il processo per direttissima.

Più informazioni