Quantcast
Calciomercato blucerchiato

Sampdoria, il punto a metà mercato

Prima va sfoltita la rosa, ma i nomi battuti dai tam tam di radiomercato sono tanti: Luka Jović, Lee Kang-in, Miha Zaic, Sam Lammers, Andrea Conti, Mattia Caldara

Sampdoria Vs Parma

Genova. Luglio è alle spalle e con lui anche il 50% del calcio mercato, vediamo dunque di fare il punto in casa Sampdoria, dove – stante anche il ritardato arrivo di Daniele Faggiano – per adesso le entrate sono limitate a due giovani portieri, destinati a rinforzare l’Academy, tornata ad essere diretta da Giovanni Invernizzi.   Si tratta di Matteo Esposito (classe 2002) ed Elia Tantalocchi (2004), entrambi arrivati in prestito con diritto di riscatto, rispettivamente da Fermana ed Juve Stabia.

I prestiti ‘secchi’, già effettuati in uscita, riguardano invece Simone Giordano (al Piacenza), Michael Brentan (Pro Sesto), Matteo Stoppa (Juve Stabia) e Felice D’Amico (Gubbio), mentre alla stessa squadra umbra è stato ceduto con obbligo di riscatto Nicolò Francofonte.

Le altre uscite definitive fanno riferimento alla cessione di Antonio Palumbo alla Ternana ed alle scadenze dei contratti di Vasco Regini (sistematosi alla Reggina), Antonis Siatiunis (al Monza), Adam Obert (al Cagliari), Petar Zovko (allo Spezia), mentre Gastón Ramírez e Ognjen Stijepović devono ancora trovare una nuova squadra e Mohamed Bahlouli ha appena rescisso il contratto consensualmente.

Axel Campeol, poi, ha addirittura dichiarato di voler chiudere col il calcio giocato.

Inoltre, sono rientrati alle loro squadre gli ex prestiti Keita Balde (Monaco), Karlo Letica (Brugge) e Lorenzo Avogadri (che l’Atalanta ha nel frattempo rigirato alla Giana Erminia).

Messo il punto alle notizie certe, tutto il resto appartiene al mondo delle chiacchiere, destinate ad intensificarsi col passare dei giorni, con l’unica certezza che la quasi totalità dei nodi (in entrata) verrà sciolta solo negli ultimi giorni di calcio mercato, perché prima Faggiano dovrà pensare a sfoltire la rosa, a cominciare dalle punte (Gianluca Caprari in primis, ma anche Federico Bonazzoli, che potrebbe finire per accettare il corteggiamento della Salernitana ed Antonino La Gumina quelli di Brescia e Parma), per proseguire con la difesa, in special modo Kaique Rocha e Jeison Murillo (di quante puntate sarà quest’anno la telenovela spagnola?) e magari pure con Julian Chabot (su di lui il Fortuna Düsseldorf), se non con Alex Ferrari e Lorenzo Tonelli.

Fra le uscite dei centrocampisti, qualcuno si è spinto a metter in tale elenco, Antonio Candreva, su un doppio binario, uno in tinta viola (Fiorentina) e l’altro rossonero (col Milan disposto a mandare a Genova Andrea Conti e Mattia Caldara), poi, gira e rigira, se arriverà l’offerta giusta, quello a partire sarà Mikkel Damsgaard, con Juventus, Tottenham ed Atalanta (sul piatto Lammers?) in pole position.

Ecco perché, per il momento, vanno prese col beneficio di inventario, le voci che riguardano interessi blucerchiati per lo sloveno Miha Zaic, rientrato al Fenerbahçe, dopo il prestito, dello scorso anno, al Genoa, come pure quelle sul serbo Luka Jović, del Real Madrid (qualche media ipotizza un’operazione alla Keita Balde) e sul sudcoreano Lee Kang-in, trequartista/ala destra del Valencia (eventuale contropartita di Murillo?).

Tra gli ex Primavera di Felice Tufano, troveranno facilmente sistemazione Emanuel Ercolano (potrebbe raggiungere Matteo Stoppa alla Juve Stabia, oppure finire al Teramo) ed Antony Angileri (piace a Cosenza e Piacenza).