Quantcast
Mercato blucerchiato

Sampdoria, due nomi per far sognare i tifosi: Scamacca o Caicedo

Intanto si intensificano le voci su Thorsby all'Atalanta, per la cui sostituzione si fanno i nomi di Michel Aebischer, Tonny Vilhena ed Emanuele Ndoj

Sampdoria-Milan

Genova.  Mentre D’Aversa ed i giocatori ‘si leccano le ferite’ post Milan, Faggiano ed Osti lavorano di ‘buzzo buono’ sul mercato, per accontentare proprietà (indirettamente il bilancio) e il mister, che si è ritrovato – negli ultimi minuti – a provare a rimontare il risultato, contro il Milan, senza avere in panchina una punta per sostituire l’infortunato Gabbiadini.

I sacrifici necessari per aiutare il conto economico societario, sono principalmente due: Damsgaard e Thorsby. Per il danese per il momento ‘calma piatta’ (forse perché gli ipotetici acquirenti sperano di prenderlo ‘last minute’, a prezzo di saldo), mentre per il norvegese sembra che l’ultima prestazione contro i rossoneri abbia vieppiù alimentato la voglia degli atalantini di portarlo a Bergamo.

Radiomercato è talmente convinta di questa operazione, ‘in pectore’, che già fa il nome del suo sostituto in blucerchiato, il biondo svizzero Michel Aebischer, centrocampista dello Young Boys, che seppur ‘completo’, ha caratteristiche diverse da Thorsby, in quanto – nonostante corra molto ed abbia il senso dell’inserimento – ama palleggiare con i compagni ed è abituato a giocare qualche metro più avanti della zona del norvegese.

Altro nome uscito, è quello di Tonny Vilhena, centrocampista olandese, di origini angolane (gioca nel Krasnodar, in Russia, oltre che nella nazionale dei Paesi bassi), che già in passato è stato oggetto dei desideri blucerchiati.

Di profilo leggermente inferiore, è il terzo nome, quello dell’italo albanese Emanuele Ndoj… ma se i bisogni del bilancio dovessero essere considerati primari, rispetto a quelli di D’Aversa, ecco che il tecnico sarebbe costretto ad affidare le chiavi del centrocampo ad Adrien Silva ed Ekdal, con alternative Ndoj ed i giovani Askildsen e Trimboli.

Restando a parlare di giovani,  vengono dati per chiusi, dai media,  gli arrivi dall’Escola Varsovia (Polonia) dell’attaccante Jakub Oskedra (classe 2005) e dal Parma, del difensore centrale Umberto Musso (un 2004), mentre sarebbe in via di valutazione quello dell’altra punta (meno giovane, essendo un ’98) Luca Pandolfi della Turris.

Poi ci sarebbe la ciliegina sulla torta, rappresentata, a scelta, da Gianluca Scamacca o da Felipe Caicedo… ma, forse, è il caso di lasciare da parte i sogni…