Quantcast
Le richieste

Nomine docenti genovesi, il Collettivo InSegno chiede trasparenza

Generica

Genova. Anno nuovo, problemi vecchi. È ferragosto, i e le docenti di tutta Italia sono alle prese con la scelta online delle scuole in cui lavoreranno il prossimo anno scolastico ed entro settembre, pare, un algoritmo deciderà le loro sorti.

A Genova però il personale dell’USP continua ad essere sotto organico, i vertici sono cambiati ma i problemi rimangono. Come un anno fa – segnalano molte e molti insegnanti – non sono state rese note le disponibilità delle cattedre di materia al 30 giugno, senza cui è impossibile fare una scelta ponderata sulle proprie esigenze e sulle esigenze di continuità didattica degli alunni.

Il rischio è ancora una volta un anno scolastico che parte a singhiozzo, con i problemi strutturali noti: classi sovraffolate ed edifici fatiscenti, docenti nominati molto tardi o su cattedre lontane da casa, rinunce in corso d’anno e ripetuti cambi di cattedra.

Gli alunni e le alunne di ogni ordine e grado, il corpo insegnanti che tanto ha lavorato nonostante la pandemia, tutto il personale scolastico meritano di più: meritano che siano riconosciuti e garantiti i loro diritti, meritano certezze che mancano totalmente da due anni, meritano equilibrio e stabilità.

Per questo motivo il Collettivo InSegno di Genova, nato esattamente un anno fa proprio per fare fronte comune contro la mancanza di trasparenza nelle convocazioni da Graduatorie Provinciali, chiede immediatamente la pubbicazione dell’organico di fatto e l’integrazione dell’elenco dei posti disponibili. I colleghi e le colleghe di Genova e di tutta Italia che volessero tenersi in contatto per decidere come procedere in caso di mancato accoglimento di queste richieste più che legittime possono farlo tramite Telegram.

Collettivo InSegno
___

Canale Telegram:
https://t.me/collettivoinsegno

Chat operativa:
https://t.me/joinchat/VrpRw2nn47EjN_as

Più informazioni