Quantcast
Attenzione massima

In arrivo ondata di caldo estremo fino a Ferragosto, è allarme per gli incendi boschivi

"Sarà un evento con pochi precedenti". In Liguria previste temperature oltre i 30 gradi, ma i roghi negli ultimi anni sono in calo

Incendio Casarza

Genova. Sarà l’ondata di caldo più intensa dell’estate, con temperature che potranno raggiungere e persino superare i 45 gradi al Sud e nelle isole e che saliranno notevolmente anche in Liguria, sebbene non con valori così estremi. E soprattutto aumenterà ancora il rischio di incendi, dopo i roghi che nelle scorse settimane hanno già martoriato la Sardegna, la Sicilia e la Calabria.

L’ondata di caldo africano terrà sotto scacco l’Italia per tutta la settimana fino a Ferragosto. Secondo gli esperti sarà “un evento estremo con pochi precedenti“, provocato da un campo di alta pressione sub-tropicale che investirà il Mediterraneo e che avrà il suo epicentro nelle giornate tra martedì e giovedì. Genova, grazie al suo mare, sarà risparmiata ancora una volta dall’afa soffocante della Pianura Padana, dove si raggiungeranno anche 37 gradi nelle città, ma sono previste comunque temperature oltre i 30 gradi.

Sul fronte degli incendi la preoccupazione è molto alta. La Protezione civile ha lanciato l’allarme. A chiedere il massimo impegno per evitare una nuova emergenza è il capo del dipartimento Fabrizio Curcio, alla luce delle previsioni meteo. Le prime avvisaglie di quel che potrebbe accadere si stanno già registrando in queste ore, con i Canadair e gli elicotteri della flotta aerea dello Stato che sono in volo da stamattina per contribuire allo spegnimento di 28 incendi tra Sicilia, Romagna e Calabria: in quest’ultima regione si sono già registrate due vittime.

Per ora la Liguria, una delle regioni con la maggiore percentuale di superficie boschiva, non ha ancora fatto i conti con grandi incendi e l’unico episodio di rilievo che ha creato apprensione è quello di Casarza Ligure la settimana scorsa per un rogo partito da una baracca. I dati del 2020 confermano la tendenza a una riduzione di questi fenomeni rispetto al passato: l’anno scorso sono stati 106 gli incendi con 117 ettari bruciati, in lieve aumento rispetto al 2019 (96 incendi e 106 ettari bruciati) ma in netto calo rispetto al 2018 (122 incendi con 640 ettari arsi).

In Liguria è in vigore dallo scorso 24 luglio lo stato di grave pericolosità per incendi boschivi, che prevede il divieto di accendere qualsiasi tipo di fuoco, sia pirotecnici, sia per l’abbruciamento di materiale vegetale e anche il divieto di mettere in funzione apparecchi elettrici come motoseghe. La Regione Liguria comunicherà la cessazione dello stato di grave pericolosità non appena le condizioni meteo lo consentiranno, cioè con l’aumento dell’umidità della vegetazione. In caso di incendio boschivo occorre attivare subito il sistema regionale di intervento chiamando il numero unico di emergenza 112.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Approfondimento
Cambiamenti climatici, piogge sempre più rare ma potenti: ma il problema di Genova è il cemento
Generico agosto 2021
Alta pressione
Meteo Liguria, in arrivo giornate di bel tempo e temperature in graduale aumento