Quantcast
Comodità o follia?

Green pass, si tatua il qr code sul braccio. Il tatuatore: “Ricordo di un periodo storico”

Un ragazzo di Reggio Calabria ha fatto una scelta drastica: e il codice funziona per davvero

tatuaggio green pass

Reggio Calabria. Segno dei tempi, esagerazione, mattana o provocazione? Difficile interpretare univocamente la scelta di un giovane ragazzo di Reggio Calabria che, nei giorni scorsi, ha deciso di farsi tatuare sul braccio sinistro il qr code del proprio green pass ottenuto dalla avvenuta vaccinazione.

La notizia arriva direttamente dal tatuatore, Gabriele Pellerone, che sulla sua pagina facebook ha postato il video delle ultime fasi della realizzazione del tattoo, diventato in poche ore virale in tutto il paese. Ma non solo.

Nel video si vede inoltre la prova del suo funzionamento: il cellulare inquadra il tatuaggio e il lettore riconosce il codice avviando il link per la visualizzazione del green pass del giovane. “Ci si tatua per diversi motivi, anche per ricordare un periodo storico come questo, e tutto ciò che ha generato o lasciato durante il suo percorso – commenta Tellerone – A prescindere da ciò, non esiste un modo oggettivo di vedere le cose, che sia nel bene o nel male, ogni persona ha una storia da raccontare ed un proprio modo di vedere o interpretare ogni cosa, oltre ogni forma di pregiudizio”. Ai posteri, o ai contemporanei, l’ardua sentenza.

Più informazioni