Quantcast
Questione spinosa

Green pass nei ristoranti ma non negli alberghi, Confcommercio: “No alle deroghe”

"Questo non può in alcun modo essere consentito. Nello stesso mercato, devono valere le stesse regole”. L'altro tema è quello dell'autocertificazione

ristorante

Genova. Il green pass obbligatorio per consumare al chiuso nei locali pubblici diventa realtà e i gestori di bar e ristoranti fanno notare come, ancora una volta, ci sia il rischio di una serie di incoerenze e discrepanze tra i settori del commercio. Fipe Confcommercio, anche a livello nazionale, chiede che – in sostanza – la legge sia uguale per tutti.

Il riferimento, non diretto ma facilmente interpretabile, è per esempio alla differenza di trattamento tra ristoranti e bar e alberghi dove, appunto, non sarà necessario da parte dei clienti esibire il green pass. L’altro problema è quello dell’autocertificazione.

“A partire dal 6 agosto, i gestori di bar e ristoranti faranno quanto possibile per favorire il controllo del green pass di chi vorrà accedere agli spazi al chiuso, ma serve la possibilità di utilizzare l’autocertificazione per responsabilizzare i clienti – dice Aldo Cursano, vice presidente di Fipe-Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi – Noi faremo ancora una volta la nostra parte con grande senso di responsabilità e spirito di sacrificio, nonostante la consapevolezza che la norma rischia di impedire l’accesso ai locali di una fetta consistente di popolazione, in particolare giovani e giovanissimi, che è ancora in attesa di ricevere la prima dose di vaccino. Non per una scelta individuale, sia chiaro, ma per i tempi tecnici di una campagna vaccinale che ancora non si è conclusa”.

“Quello che va evitato con tutti i mezzi è che si prevedano deroghe all’obbligo di ingresso con il green pass – continua Cursano – Se il governo ha deciso di utilizzare questo strumento per contenere la circolazione del virus, la norma deve essere applicata in tutti i luoghi in cui si somministrano cibi e bevande. Senza eccezioni. Altrimenti, si finirebbe per introdurre una ulteriore discriminazione, penalizzando alcune imprese e favorendone altre. Questo non può in alcun modo essere consentito. Nello stesso mercato, devono valere le stesse regole”.

Anche Alessandro Cavo, presidente Fipe Confcommercio Genova, sottolinea: “Avremmo preferito lo strumento dell’autocertificazione senza essere costretti a fare i controllori, cosa non certo nelle nostre corde, tuttavia nella consapevolezza di dover fare la nostra parte per uscire dall’incubo pandemico riteniamo il green pass ovviamente un’alternativa preferibile al lockdown”.

leggi anche
verificaC19 - green pass
Ufficiale
Dal 1° settembre obbligo green pass per scuola, università e trasporti: ecco il nuovo decreto