Quantcast
Tre mesi

Green pass, estensione della validità da 9 a 12 mesi: l’ipotesi al vaglio del Cts

L’opzione nasce dall’esigenza di garantire il certificato verde al personale sanitario che, vaccinato per primo, vedrà scadere il pass a metà ottobre

Primo giorno per il Green Pass obbligatorio

Italia. Il 30% degli italiani non ha ancora ricevuto neppure una dose di vaccino, per scelta o per forza, il 20% aspetta il richiamo. Ma al di là delle ipotesi su quella che potrà essere una terza dose – specialmente per soggetti fragili – per altri italiani, i primi ad essersi vaccinati, si pone già il problema del rinnovo del green pass. I primi, infatti, scadono già ad ottobre: poco più di un mese di tempo. Tra loro ci sono, ad esempio, moltissimi operatori sanitari, medici, infermieri, personale di ospedali ed rsa, le categorie che per prime erano state immunizzate.

E’ per questo che il governo chiederà al Cts di vagliare la possibilità di estendere dagli attuali 9 a 12 mesi la durata della validità del certificato verde. La riunione del comitato tecnico scientifico è fissata per questo venerdì.

Visto che, come già spiegato più volte, l’ipotesi terza dose resta ancora un’incognita, per determinate categorie la scadenza del green pass combacerebbe con una sospensione dal lavoro o con altre penalizzazioni fra meno di due mesi, a metà ottobre. Non solo, entro metà novembre si troveranno in questa situazione tutte le categorie vaccinate per prime.

Anche alcuni insegnanti potrebbero avere presto lo stesso problema, nella fattispecie quelli che erano stati vaccinati con Astrazeneca come “categorie prioritarie” prima che il commissario Figliuolo stabilisse come criteri di priorità quelli anagrafici. Ricordiamo che dal 1 settembre il green pass è obbligatorio anche per il personale scolastico: insegnanti, assistenti, personale amministrativo, addetti alla mensa non potranno entrare a scuola senza.

L’estensione della durata del green pass sarà possibile solo se considerata sicura dal Cts. Da un punto di vista strettamente burocratico, invece, il governo italiano non dovrebbe avere problemi a decidere di far valere il certificato verde 12 mesi e farlo considerare valido a livello comunitario, questo perché l’Ue ha concesso ai paesi membri ampio margine di autonomia.

Altro tema allo studio, quello di uniformare la durata del green pass per tutti, anche per i guariti: in questo caso il calcolo della scadenza avverrebbe dal momento delle dimissioni per chi è stato ricoverato.

Più informazioni
leggi anche
Alla Suerte una serata dedicata ai giovani con il Green Pass
Sblocco
Green pass valido 12 mesi per i vaccinati ma anche per i guariti: ecco cosa cambierà