Quantcast
L'analisi

Coppa Italia, la Sampdoria batte l’Alessandria e passa ma la difesa è da rivedere fotogallery

I blucerchiati hanno mostrato di possedere qualità importanti davanti con un Quagliarella apparso già in grande forma

Sampdoria Vs Alessandria

Marassi. Il risultato promuove la prima Sampdoria stagionale di Roberto D’Aversa. La prestazione, invece, lascia qualche perplessità. Vero che siamo ad agosto, ma fra una settimana si inizia a fare sul serio.

I blucerchiati hanno approcciato male la gara, subendo dopo pochi minuti il vantaggio ospite e rischiando di incassare la seconda rete circa un minuto dopo. Sotto di due marcature, sarebbe stato difficile rimontare. Il primo tempo ha visto la Sampdoria concedere troppi spazi alle ripartenze avversarie e aggrapparsi in attacco alle iniziative dei singoli, in particolare all’estro dell’eterno Quagliarella, giunto con la marcatura di oggi a cento goal con la Samp. Il centrocampo a due formato da Thorsby ed Ekdal non ha saputo tenere in mano il pallino del gioco e Murillo e Bereszynski sono sembrati lontani dalla forma migliore.

E’ andata meglio nella ripresa, nel corso della quale la Samp ha trovato subito il goal del pareggio e poco dopo la rete del vantaggio, complice un Alessandria davvero troppo distratto: Thorsby ha colpito di testa da solo in area in mezzo a tante maglie bianche. Tenuto per larghi tratti il pallino del gioco, la Sampdoria non è riuscita a chiudere la partita e, anzi, nel finale i piemontesi hanno creato alcune situazioni che avrebbero potuto mandare la partita ai supplementari.

Sampdoria dunque promossa per il risultato e per la capacità di reagire. Anche se a onor del vero sul secondo e sul terzo goal sono maggiori i demeriti dei Longo boys rispetto ai meriti dei blucerchiati. Male la fase difensiva ed è anche mancata un po’ di freddezza davanti, visto che la partita, in casa contro una neopromossa nella serie cadetta costretta negli ultimi minuti a giocare in dieci, è stata in bilico fino al novantesimo.

Promossi e rimandati

Non è giusto parlare di bocciature ad agosto, meglio rimanere nell’ambito delle “rimandature”. Insufficiente la prova di Murillo, apparso fuori condizione. Il difensore centrale ha sbagliato il passaggio che ha dato il via all’azione del primo goal dell’Alessandria, è scivolato in concomitanza della seconda occasione dei grigi e si è fatto superare con grande facilità da Arrighini in occasione dell’azione del rigore. A fare da contraltare, il grande intervento su Corazza a sventare un 3 a 3 quasi certo. Avrebbero potuto fare meglio anche Bereszynski, fuori posizione in occasione del rigore, e Audero, incerto sul primo goal. La coppia Ekdal – Thorsby in mezzo ha faticato, ma il norvegese ha alzato il suo voto con l’assist per Gabbiadini.

La nota positiva porta il nome di Quagliarella. Nel primo tempo, la sua stella ha tenuto viva la Sampdoria. Dopo un inizio poco pimpante, Gabbiadini è risultato decisivo fornendo l’assist al capitano e segnando la rete del pareggio. In generale, è entrato bene Damsgaard anche se in più occasioni è sembrato poco deciso una volta giunto al limite dell’area.

La cronaca della partita

SAMPDORIA 3 (27′ Quagliarella, 46′ Gabbiadini, 51′ Thorsby) – ALESSANDRIA 2 (8′ Chiarello, 44′ Corazza rig)

1′ La Sampdoria scende in campo con la difesa a quattro formata dai centrali Chabot e Murillo e dagli esterni Augello e Bereszynski. Ekdal e Thorsby agiscono davanti alla difesa. Tris sulla trequarti formato da sinistra a destra da Jankto, Gabbiadini e Candreva. Punta centrale il sempiterno Quagliarella. Formazione almeno in partenza offensiva per i piemontesi, che si schierano con il 3-4-3. Difesa con Mora, Benedetti e Parodi. A centrocampo, da sinistra a destra, Beghetto, Ba, Casarini e Mustacchio, e in avanti il tridente formato da Corazza al centro e Chiarello e Arrighini sulle corsie laterali.

8′ Alessandra in vantaggio! Murillo cerca con un passaggio lungo Ekdal ma è impreciso. Casarini intercetta, la sfera perviene a Chiarello che dal limite dell’area fa partire un tiro dal limite dell’area che si infila alla destra di un Audero che avrebbe sicuramente potuto fare meglio.

9′ Passa circa un minuto e l’Alessandria va vicina al raddoppio. Corazza va sul fondo e mette in mezzo, agevolato da Murillo che scivola un po’ goffamente nel tentativo di ostacolarlo. Passaggio in mezzo rasoterra per Chiarello che apre il piatto ma la sfera finisce di poco a lato ad Audero battuto.

11′ La Sampdoria prova a reagire trovando il goal con Quagliarella. Il bel pallonetto dell’attaccante napoletano viene però annullata per fuorigioco.

14′ Cross delizioso di Quagliarella per Jankto, che conclude al volo. La palla sbatte per terra e poi si infrange sulla traversa.

20′ Beghetto calcia da sinistra, Murillo devia con il tacco in calcio d’angolo. In venti minuti l’Alessandria ha segnato un goal e creato due situazioni pericolose. Mister Longo può essere soddisfatto.

22′ Retropassaggio sanguinoso di Murillo per Audero, che è costretto a rinviare in scivolata per evitare il patatrac. Nel frattempo, fallo tattico a centrocampo di Ba su Gabbiadini punito con il cartellino giallo.

24′ Ci prova da fuori Gabbiadini. Pisseri blocca a terra senza patemi. Secondo intervento sicuro dell’estremo difensore dei grigi dopo la parata su Candreva di qualche minuto prima.

27′ Pareggio Samp! Cross teso di Gabbiadini per Quagliarella. Tacco delizioso che si infila nel pertugio tra il portiere e il primo palo. Un goal annullato, un assist al bacio per Jankto e il pareggio di tacco. Che inizio di stagione per Quagliarella! Da notare l’abbraccio con Audero, sicuramente scosso dopo l’incertezza in occasione del goal del vantaggio ospite.

32′ Beghetto salta bene Candreva appena dentro l’area di rigore. L’alessandrino cade a terra reclamando un calcio di rigore. Non sembrano però esserci gli estremi per la massima punizione.

36′ L’Alessandria pressa alto e per la Samp risulta difficile impostare la manovra dal basso. Si punta dunque sulla ricerca della seconda palla, spesso a seguito di un lancio lungo per la testa di Thorsby.

38′ La Sampdoria ha mostrato una crescita con il passare dei minuti, dopo una decade iniziale in cui la retroguardia ha patito oltremodo gli attacchi avversari. La manovra tuttavia non appare ancora fluida, con i blucerchiati che si affidano principalmente a iniziative dei singoli.

41′ Jankto punta l’area, lieve contatto di Casarini che comunque sbilancia il sampdoriano. Secondo giallo per l’Alessandria.

43′ Bereszynski pasticcia lasciando spazio ad Arrighini, il quale si incunea in area e salta Murillo, non proprio in giornata di grazia. L’alessandrino va a sbattere contro Bereszynski, che nel frattempo aveva ripiegato in difesa. L’arbitro e indica il dischetto.

44′ Raddoppio dell’Alessandria. Corazza è freddo e dagli undici metri non lascia scampo ad Audero, spiazzato.

45′ Tutti negli spogliatoi. Sampdoria abbastanza frizzante in avanti, ma una buona fetta dei meriti è da segnare sotto la voce “Quagliarella”. Male in difesa, con Murillo apparso fuori condizione.

Secondo tempo

45′ Si riparte con gli stessi ventidue in campo.

46′ Pareggio della Sampdoria. Lungo filtrante rasoterra di Thorsby per Gabbiadini, distratta la difesa dell’Alessandria. La palla arriva nei piedi di Gabbiadini che è freddo e batte Pisseri in uscita al limite dell’area.

51′ Sampdoria avanti! Azione lineare, Candreva crossa bene in mezzo. Thorsby salta indisturbato all’altezza dell’area piccola e infila alla destra del portiere. Molto male la difesa dell’Alessandria. Nel frattempo, fuori Jankto, dentro Damsgaard, grande protagonista con la Danimarca agli Europei.

55′ Rispetto al primo tempo la Sampdoria riesce a palleggiare meglio tenendo saldo il pallino del gioco, cosa che non era riuscita nella prima frazione di gioco, quando la partita era caratterizzata da numerosi ribaltamenti di fronte in occasione dei quali l’Alessandria si è reso più volte pericoloso.

56′ Damsgaard si mette in proprio ed entra in area. Prova a servire Gabbiadini ma Parodi legge bene la traiettoria e intercetta il pallone. Sembra essersi spenta la verve dell’Alessandria, che non riesce a imbastire iniziative offensive.

60′ Orlando e Giorno prendono il posto di Casarini e Chiarello nell’Alessandria. Poco dopo, Torregrossa prende il posto di Quagliarella. Askildsen entra per Ekdal. Giallo anche per Benedetti nell’Alessandria.

65′ Gabbiadini ci prova dalla distanza con un tiro a giro che si spegne a lato. Monologo Sampdoria, l’Alessandria si difende con ordine ma è ormai lontano parente della squadra frizzante dei primi minuti di gara.

71′ Iniziativa personale di Ba, Murillo si stacca dalla linea e lo ferma fallosamente. Giallo evitabile per il difensore blucerchiato, sia per la zona di campo sia perché c’erano diversi compagni a coprirgli le spalle.

75′ Orlando calcia da fuori. Audero mette sopra la traversa. La Sampdoria deve cercare di chiuderla. Un goal degli avversari rischierebbe di mandare la partita ai supplementari, l’ultima cosa che spera una squadra che prossima settimana inizierà il campionato.

76′ Iniziativa personale di Damsgaard, bella parata con la mano di richiamo di Pisseri.

78′ Occasionissima per l’Alessandria. Sbanda la difesa della Sampdoria, l’Alessandria riesce a servire Orlando lasciato solo davanti ad Audero. Il giocatore subentrato calcia male spedendo alto sopra la traversa.

79′ Ancora Orlando che va via ad Augello e serve bene in area Corazza che batte a colpo sicuro. Murillo riscatta una prestazione sottotono con un intervento provvidenziale.

80′ Ribaltamento di fronte, Gabbiadini prova la girata in acrobazia ma viene chiuso bene da Parodi. La palla poi si impenna e finisce nella mani del portiere ospite.

83′ Murillo lascia il posto a Depaoli e Gabbiadini lascia spazio a Caprari. Doppio giallo per Benedetti, reo di aver steso Torregrossa da ultimo uomo. Ultimi scampoli di gara in inferiorità numerica per l’Alessandria.

86′ Palla lanciata in avanti dall’Alessandria. Chabot buca l’intervento, ne approfitta Orlando che ha l’occasione per prolungare la gara. Provvidenziale il ripiegamento difensivo di Depaoli.

88′ Vicino al goal la Sampdoria. Sgroppata di Augello sulla fascia, cross basso per Caprari. Bella conclusione che finisce fuori di poco. Giallo per Chabot.

90′ Pisseri fuori dai pali. Torregrossa prova a fare il Quagliarella dalla lunga distanza. Ma non è Quagliarella e la palla finisce sul fondo.

91′ Cross dell’ottimo Orlando che attraversa tutta l’area. Beghetto si allunga ma non riesce a correggere verso la porta.

92′ Damsgaard appoggia per Caprari. Tiro deviato in angolo dalla difesa piemontese.

93′ Al termine dei tre minuti di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatori. Passa la Sampdoria. I blucerchiati troveranno il Torino.

 

leggi anche
Sampdoria Vs Alessandria
Minuto per minuto
La Sampdoria rimonta due volte l’Alessandria e passa il turno in Coppa Italia: il racconto del match
Sampdoria Vs Alessandria
Visti dai dilettanti
Sampdoria-Alessandria: il commento del post gara di Fabio Baldi