Quantcast
L'occhio di vetro

Cinquanta sfumature di giallo: il thriller medico

"L'occhio di vetro" è la rubrica di letteratura di IVG e Genova24, a cura di Ilaria Giorcelli

rubrica occhio di vetro

Camici, guanti e lunghi anni passati alla facoltà di medicina, sono indispensabili per il giallo di oggi, il gusto che proponiamo è: il thriller medico.

“L’allieva”

In questo primo capitolo della serie, diventata anche una serie televisiva, incontriamo la protagonista- per cui è impossibile non provare simpatia- e il suo entourage di familiari, amici, coinquilini e colleghi di lavoro. Un libro scorrevole, fresco, che unisce alle componenti del giallo i rapporti umani- specie quell’attrazione e antipatia verso il capo di Alice, Claudio- e tutta la profonda umanità di una giovane ragazza, curiosa e un po’ goffa, che non riesce a non farsi coinvolgere nei casi che tratta. La serie è edita da Longanesi.

“Insomma, mi sarò allontanata al massimo di un centinaio di metri. Non possono avermi trafugato la salma da sotto il naso! ”

Trama

Un medico legale non dovrebbe essere coinvolto ma se il corpo ritrovato era una persona conosciuta? Se si conoscono i familiari e gli amici? Alice Allevi- specializzanda in Medicina Legale- non riesce a trattenersi, mettendosi in prima linea per risolvere il caso. Indagando scoprirà un intrigo di amori non corrisposti e gelosie, dovendo fare i conti anche con la sua vita, amorosa e professionale. La vittima, Giulia Valenti, non è morta per i suoi problemi di droga, Alice sospetta l’omicidio e le sue osservazione le varranno anche la proposta di collaborare con la polizia, sotto l’ispettore Caligaris.

Alessia Gazzola, classe dell’82, dopo la laurea in medicina legale, si è dedicata alla scrittura con la serie di libri con protagonista Alice Allevi (otto romanzi in totale) e della serie con protagonista Costanza Macallè, due libri al momento, oltre ad altri quattro romanzi indipendenti. Se il primo romanzo è stato concepito come sfogo allo stress causato dallo studio, il successo è stato immediato, portandola anche a collaborare nella realizzazione della serie televisiva.

Un libro per i bambini
Non è facile trovare medici nei libri per bambini, non nel senso di investigatori provetti, ma speriamo con questi titoli di divertire e interessare i giovani lettori, trascurando il mistero a favore della figura del medico.

Per i più piccini

Dottor Lupo

Per cancellare i pregiudizi, e nobilitare la figura del lupo, questo albo edito da Babalibri è perfetto. Colorato, dalle immagini bellissime è consigliato dai 3 anni in poi.

“Il Dottor Lupo fa uscire la zampa dal mantello per afferrare quella di Marco”

Trama

Marco ha mal di pancia e Mamma Coniglio è preoccupata, nessun dottore però sembra avere una cura per il piccolo ed è scesa la sera. Il Gufo dice di conoscere un dottore in grado di aiutarli, ma c’è un problema: è un Lupo. Sarà vero che tutti i lupi sono cattivi e mangiano i conigli? L’unico modo per scoprirlo sarà seguirlo nella sua casa.
Olga Lecaye, parigina di nascita, collabora come illustratrice per diverse riviste francesi- tra cui Orient e Safa-.

Per i più grandi

Dolittle verso l’isola degli ateli

Il Dottor John Dolittle, preferisce gli animali ai pazienti umani, infatti ha una particolarità: saper parlare e capire gli animali. Ha tanti amici tra cui Tommy Stubbins, suo assistente e narratore di ogni sua avventura. L’edizione scelta è di graphofeel, in versione ad alta leggibilità (Il testo ha un carattere e un distanziamento che, unito ad un particolare colorazione della pagine, rende la lettura possibile anche a lettori con problemi di attenzione o dislessia) età di lettura dai 10 anni

“Naturalmente l’uomo che ci aveva accompagnato nel recinti non capì che cosa stavamo facendo. Con ogni probabilità, quando vide il dottore che faceva gesti e parlava nella lingua dei tori, si limitò a pensare che quell’inglese ben pasciuto fosse pazzo.”

Trama

In questa avventura Dolittle è imbarcato, con la sua ciurma di animali, alla ricerca d’avventura. Imparando la lingua di alcuni animali marini il dottore, tra mille peripezie scoprirà una nuova storia fino ad un inaspettato naufragio.

Hugh Lofting, 1886-1947, è stato uno scrittore britannico padre del Dottor Dolittle. L’idea gli venne durante la prima guerra mondiale, impegnato sul fronte decise di scrivere questi racconti in trincea, destinandoli ai figli, che lo aspettavano a casa. Oltre a questi romanzi, ben quattordici, si è sempre dedicato alla narrativa per ragazzi.

PICCOLE SCHEGGE

Il thriller medico è un sottogenere, tanto letterario che cinematografico, del thriller. A caratterizzarlo sono la trama, che tratta argomenti di tipo scientifico biologico, e i protagonisti, medici legali o specialisti della polizia scientifica, che riescono, sulla base degli indizi raccolti con l’esame del cadavere o della scena del crimine, ad assicurare il colpevole alla giustizia. Oltre al thriller medico d’indagine c’è quello catastrofico apocalittico, dove il singolo criminale lascia la scena a complotti su vasta scala con virus manipolati e minacce biologiche.

“L’occhio di vetro” è la rubrica di letteratura di IVG e Genova24, a cura di Ilaria Giorcelli. Ogni settimana un piccolo “sguardo” sul mondo dei libri, con alcuni volumi consigliati per piccoli e grandi. Clicca qui per leggere tutti gli articoli.