Quantcast
Banca

Carige, approvati risultati consolidati al primo trimestre 2021

"Si mantiene il suo forte presidio sulla qualità degli asset creditizi e prosegue nella marcia di recupero della redditività" dice l'ad Guido

carige banca

Genova. Il cda di Banca Carige ha approvato i risultati consolidati al 30 giugno 2021. Il primo semestre, soprattutto nella seconda parte, inizia a incorporare i primi tangibili effetti del nuovo modello di servizio e dei correlati investimenti tecnologici, che si stanno gradualmente approntando. “Carige mantiene il suo forte presidio sulla qualità degli asset creditizi e prosegue nella marcia di recupero della redditività che diverrà più significativa nel corso dei prossimi trimestri in parallelo con il completamento delle varie attività previste nel piano”, il commento di Francesco Guido, amministratore delegato.

Oltre ai risultati dei mesi passati sull’andamento dei volumi della raccolta e degli impieghi, si riscontra un robusto trend di crescita delle componenti core della top line dei ricavi (margine di interesse e commissioni nette) sia rispetto ai 6 mesi 20201 (+16,7% l’aggregato nei sei mesi) sia rispetto al primo trimestre 2021 (+8,9% la performance nel secondo trimestre); questo, senza considerare una componente non ricorrente contabilizzata nelle commissioni attive nel semestre derivante principalmente da commissioni riconosciute da Amissima in relazione ai collocamenti dei prodotti bancassurance.

La crescita risulta particolarmente significativa per il margine di interesse (€74,7 milioni nei sei mesi): +30,1% rispetto al primo semestre 20201 e +11,1% rispetto al primo trimestre 2021; anche le commissioni nette (€112,6 milioni nei sei mesi), considerate al netto della citata one- off (€107,4 milioni), mostrano una interessante accelerazione: +8,9%1 e +5,8% rispettivamente nei confronti semestrale e trimestrale.

Prosegue anche lo strutturale calo dei costi attraverso la contrazione delle spese per il personale (€108,5 milioni nei sei mesi; -6,2% annuo1 , -0,6% rispetto al primo trimestre 2021) e il controllo delle altre spese amministrative della gestione corrente (€62,7 milioni nei sei mesi; +4,2% annuo1 che risente dei citati investimenti correlati alla messa a terra del nuovo modello di servizio, -3,9% rispetto al primo trimestre 2021).

Più informazioni