Quantcast

Lettera al direttore

Cantiere infinito

Ballast accumulati e polveri colorate nell’aria, proteste dagli abitanti del Campasso

Amedeo Lucia, referente dell'osservatorio sul nodo ferroviario e abitante del quartiere: "Movimentazione di terra a dir poco insostenibile"

Genova. Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata da Amedeo Lucia, consigliere Pd del municipio Centro Ovest e referente dell’osservarorio sul nodo ferroviario del Parco Campasso in merito alle proteste dei cittadini del quartiere, preoccupati dai movimenti di materiale alle spalle di via Walter Fillak.

Nel frattempo Rfi ha risposto alle critiche con una nota: “Tutte le attività che Rete Ferroviaria Italiana svolge avvengono nel pieno e assoluto rispetto del piano di lavoro approvato dalla ASL che la stessa azienda sanitaria monitora costantemente. Inoltre, RFI ha dato ed è pronta a dare ogni ulteriore chiarimento richiesto alle competenti strutture del Comune“.

Al sindaco Marco Bucci
All’assessore Matteo Campora
Buongiorno,
In qualità di referente dell’Osservatorio Nodo Parco Campasso del Municipio II e di abitante del Campasso, vi informo che all’interno del Parco ferroviario Campasso RFI ha iniziato da qualche settimana una movimentazione di terra a dir poco insostenibile per chi vive nei quartieri del Campasso e di via Fillak.

Oltre a farci convivere da sette anni con cumuli di terra, talvolta neanche coperti a sufficienza, davanti alle proprie finestre, in questi giorni Rfi sta creando nuovi cumuli. Lo sta effettuando movimentando il sedime o ballast ferroviario, che come ben saprete, da analisi istituzionali, vedeva la presenza di materiali tossiche come l’amianto ben al di sopra dei limiti di legge (limite di legge è di 1000mg/kg e le analisi misuravano 4800mg/kg…quasi 5 volte superiore).

Come faccio ad affermare ciò? Guardando le immagini e i video che vi allego, e vi invito a scaricare e guardare, si può notare come i nuovi cumuli abbiamo una colorazione rossa come la sostanza innestata sul Parco ferroviario per incapsulare il ballast.

Chiedo a Lei Sindaco di intervenire attraverso RFI per proteggere la salute dei cittadini di queste zone. Oltre a veder sorgere nuovi cumuli, invece di rimuovere quelli già presenti, non sta avvenendo nessuna bagnatura. Signor Sindaco e Assessore chiediamo cortesemente che i nostri diritti alla salute e alla sicurezza siano mantenuti e sostenuti da Voi.
Con la presente, Vi invito al Campasso per un dialogo sul posto anche con alcuni dei nostri cittadini per vedere con mano la situazione.

Più informazioni