Quantcast
Emergenza

Autostrade, scatta la chiusura in A10: il Comune di Genova vieta l’Aurelia ai mezzi pesanti

Dalle 4 del mattino attivo il cantiere: varata l'ordinanza per i mezzi pesanti diretti a Pra' e quelli che non devono caricare o scaricare merci in città.

traffico a10

Genova. Divieto di circolazione per i mezzi pesanti con massa superiore a 7,5 tonnellate sulla viabilità ordinaria tra Sampierdarena e Vesima: è quanto prevede l’ordinanza varata nel giorno di Ferragosto dal Comune di Genova per arginare le conseguenze della chiusura parziale dell’autostrada A10 (rimarranno aperte solo due corsie di marcia) nel tratto dei caselli di Aeroporto e Pra’, soggetto a lavori urgenti di manutenzione sulle gallerie, a partire dal 4 del mattino di lunedì 16 agosto.

Un provvedimento concordato durante l’ultimo vertice sulla viabilità in prefettura per dare concreta attuazione alla logica del piano deciso già all’inizio della settimana: i tir dovranno rimanere in autostrada senza intasare l’Aurelia e il maggior numero possibile di mezzi dovrà essere indirizzato sull’itinerario alternativo A7-A26 passando per la diramazione Predosa-Bettole, in modo da aggirare il collo di bottiglia.

Il divieto è valido per i mezzi diretti al terminal Psa di Genova Pra’ e per quelli che non prevedano una sosta nel territorio comunale finalizzata a operazioni di carico e scarico merci. L’ordinanza fa riferimento in particolare  alle vie Cantore, Degola, Cornigliano, Lungo  Mare Canepa, Rossa, Albareto, Manara, Merano, Prà, Rubens e “ad eventuali percorsi a esse alternativi o comunque a qualunque viabilità comunale compresa fra l’uscita autostradale Genova Ovest” e Vesima.

L’ordinanza rimarrà in vigore fino alle 22.00 del 25 agosto “o comunque fino a cessata necessità”, tenendo conto del fatto che Autostrade si è impegnata ad accelerare il più possibile per chiudere il cantiere in anticipo. Dall’ordinanza sono esclusi i veicoli delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco, i veicoli di soccorso e i veicoli in servizio di emergenza. Come ulteriore misura, il Comune di Genova ha sospeso con le stesse tempistiche le corsie gialle tra Cornigliano e Voltri che potranno quindi essere utilizzate liberamente da tutti i veicoli.

La gestione del traffico a partire da lunedì mattina sarà di tipo emergenziale: agenti della polizia locale e della polizia stradale daranno indicazioni nei punti nevralgici, il personale dell’Autorità portuale guiderà i mezzi pesanti in uscita dai varchi, la protezione civile regionale manterrà aperta h24 la sala operativa, come accade per le allerte meteo, e i volontari sono già mobilitati per l’eventuale distribuzione di generi di conforto in autostrada. Sono previste code fino a 15 chilometri, anche se la speranza è che le contromisure possano attenuare l’impatto previsto.

In particolare Autostrade ha potenziato al massimo la comunicazione per consigliare l’itinerario alternativo che consente di bypassare il restringimento tra Aeroporto e Pra’, assicurando che non verranno applicati costi aggiuntivi per l’allungamento di percorso. I camionisti diretti a Pra’, visto che non potranno uscire al casello corrispondente (chiuso in uscita da Genova, come anche Pegli) potranno in alternativa proseguire fino ad Arenzano e tornare indietro sulla A10.

leggi anche
Prà si rifà il look nuova viabilità sull'Aurelia e lavori alla Fascia di Rispetto
Piano b
Chiusura A10, dal 16 agosto niente corsie gialle per i bus tra Voltri e Cornigliano
coda autostrada tir camion
Contromisure
A10, ecco il piano per evitare il caos: obbligo autostrada per i tir, “moral suasion” per i turisti