Voltri, riapre la spiaggia dei bambini: nuove strutture per i centri estivi ma a disposizione di tutti - Genova 24
L'iniziativa

Voltri, riapre la spiaggia dei bambini: nuove strutture per i centri estivi ma a disposizione di tutti

Le nuove zone d'ombra saranno a disposizione di tutti i voltresi negli orari in cui non sono utilizzate dai centri

Genova. E’ stata inaugurata lunedì 5 luglio, in una versione completamente rinnovata la ‘spiaggia dei bambini’ di Voltri.

L’iniziativa è nata nel 2005 con la collaborazione fra Municipio, Comune, Arciragazzi e l’allora progetto 285/97 “LET” (oggi ACT – Azioni Cittadine per l’Infanzia e l’Adolescenza) per rendere fruibile il litorale pubblico ai Centri Estivi di Genova e non solo.

A spiegare come funziona la spiaggia è un comunicato del municipio.

“Grazie alla collaborazione con l’Associazione Utri Mare, concessionaria della aree del territorio e con il sostegno progettuale ed economico del Municipio Ponente e di Arciragazzi, la “spiaggia”, per l’intera stagione, sarà attrezzata con ampie zone di ombra ad uso sia dei centri estivi che della popolazione – spiega la nota – arredando il litorale con una struttura sempre presente per i mesi estivi che consentirà l’uso in sicurezza dell’arenile, esalterà la vocazione ludica ed educativa di questa parte di città; costituirà un esempio di come sia possibile valorizzare i beni pubblici, grazie all’integrazione fra associazionismo, volontariato e istituzioni”.

Le strutture si aggiungono ai servizi già previsti (spogliatoio, servizi igienici, giochi da mare) in una cornice logistica rinnovata con accessi al litorale e alla struttura pensata anche per persone disabili.

Dal 5 luglio 2021, ogni giorno, sarà possibile garantire in 10 postazioni la presenza di 150 bambini e ragazzi dei Centri Estivi, ma anche dei partecipanti alle varie iniziative estive della città, organizzate da associazioni, cooperative, centri, parrocchie etc.

Quotidianamente, assieme ai Centri, ci sarà personale di salvamento dedicato che garantirà inoltre il presidio delle strutture in tutte le altre giornate fino a settembre al fine di favorirne l’uso libero per tutta la popolazione, con preferenza e primariamente alle famiglie con bambini e bambine.

Più informazioni