Quantcast
Lotta

Trasporto di armi, a Genova presidio del Calp contro l’ennesima “nave della morte”

L'appuntamento è per giovedì 22 luglio dalle 10 alle 12 davanti a palazzo San Giorgio: "L'autorità portuale adotti un codice etico"

Generico luglio 2021

Genova. Dopo aver ricevuto lo sprone a proseguire nella loro battaglia anche da Papa Francesco, i portuali del Calp a Genova annunciano un nuovo presidio contro l’arrivo di una delle cosidette “navi della morte”.

L’appuntamento è per giovedì 22 luglio dalle 10 alle 12 davanti a palazzo San Giorgio, sede dell’Autorità portuale. Il giorno è anche quello previsto per l’attracco del cargo Bahri Jazan.

“I portuali non vogliono collaborare a questo mercato e chiedono che il porto di Genova adotti un codice etico di rifiuto dei traffici di armi verso i teatri di guerra civile e i paesi che violano i diritti umani. Come del resto stabilisce la legge 185/1990”, si legge nella nota del Calp.

“Occorre che le istituzioni, Autorità di sistema portuale, Dogane, Capitaneria di porto, Magistratura, Prefettura, rispondano alle istanze dei lavoratori e dei sindacati, vigilino sui traffici di armi e rendano pubblici i dati sui carichi in movimentazione e transito, anche a garanzia della sicurezza dei lavoratori e dei residenti nei quartieri limitrofi al porto”, proseguono dal collettivo autonomo dei lavoratori portuali.

Il Calp invita al presidio associazioni e movimenti, militanti e collettivi politici antimilitaristi, pacifisti, lavoratori. “Chiediamo di conoscere il carico della nave e se corrisponda alle norme di sicurezza dei lavoratori e del commercio internazionale di armi”, sottolineano.

Il Calp inoltre torna a chiedere l’archiviazione del procedimento penale contro sette lavoratori per avere manifestato, in passato, contro altre “navi della morte”.

Più informazioni
leggi anche
portuali del calp in vaticano
In vaticano
Papa Francesco incontra i portuali del Calp: “Bravi a bloccare le navi cariche di armi, continuate così”