Toti non parteciperà al convegno dei giovani imprenditori di Confindustria a Genova - Genova 24
Malumori

Toti non parteciperà al convegno dei giovani imprenditori di Confindustria a Genova

Un incidente diplomatico che rischia di compromettere i rapporti all'inizio della nuova era Risso. Il governatore: "Non parlare di Genova e di infrastrutture è qualcosa di slegato dalla realtà"

Giovanni Toti

Genova. Il presidente ligure Giovanni Toti non parteciperà al 50esimo convegno dei giovani imprenditori di Confindustria in programma domani ai Magazzini del Cotone. Una sorta di fulmine a ciel sereno per un appuntamento centrale dell’agenda estiva ligure che vedrà sfilare al Porto Antico numerosi leader politici e rappresentanti delle istituzioni nazionali. Ma non quelli delle amministrazioni locali.

Da quanto risulta non parteciperà nemmeno il sindaco Marco Bucci, che andrà invece al Festival dello Spazio di Busalla. Il governatore è stato invitato dallo staff nazionale di Confindustria ma di fatto sia lui che il sindaco sono stati esclusi dal programma ufficiale dell’evento. I loro nomi non sono previsti né tra i relatori né tra i saluti istituzionali. Ma le ragioni del malumore, secondo quanto riferiscono fonti di Genova24, sarebbero ancora più profonde.

Infatti, nonostante il convegno si celebri da sempre in Liguria e quest’anno veda il principale appuntamento proprio nel capoluogo, il filo conduttore dei temi trattati non prevede riferimenti alle infrastrutture, alla Gronda, al porto, alle autostrade. E tantomeno al modello Genova decantato spesso come esempio da seguire per la ripartenza e per la gestione delle risorse del recovery fund. Insomma, un appuntamento genovese che di genovese non avrà nulla, nemmeno nelle premesse.

Una decisione che appare abbastanza dirompente se si considera che Regione Liguria e Comune di Genova figurano tra gli enti che hanno concesso il proprio patrocinio all’iniziativa. E voci regionali dicono addirittura che la pratica sia stata stoppata. Uno sgarbo istituzionale che, secondo quanto apprende Genova24, travolgerebbe direttamente i vertici locali di Confindustria che evidentemente, nonostante le sollecitazioni ricevute, non sono riusciti a far parlare di Genova e le sue istituzioni a un convegno degli industriali che si tiene proprio in città. Un incidente diplomatico che potrebbe compromettere i rapporti anche a livello locale, proprio all’inizio della nuova era Risso.

Ci saranno, invece, altre personalità del mondo politico tra cui il leader della Lega Matteo Salvini, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani, il fondatore di Italia Viva Matteo Renzi, l’ex uomo del riscatto del M5s Giuseppe Conte, il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta. Assente anche nella sua veste politica, il presidente Toti, che avrebbe potuto essere invitato come co-fondatore di Coraggio Italia, ma così non è stato. Non mancheranno, comunque, due incontri tra il governatore, Salvini e Meloni in due momenti distinti nel corso della giornata.

Toti ha confermato la decisione parlando in serata a margine dell‘open night vaccinale alla Fiera: “Domani non sarò ai Magazzini del Cotone, vedrò il presidente Bonomi insieme al sindaco Bucci in Regione prima che comincino i lavori del pomeriggio per spiegargli alcune cose”.

“Parlare di recovery plan, di futuro dell’Italia senza passare dalla Liguria, senza prendere esempio dal Morandi e senza parlare dei problemi infrastrutturali da risolvere, pare qualcosa di slegato dalla realtà – ha aggiunto – Credo che Genova sia anche per gli industriali un punto di riferimento, senza presunzione, per l’esempio del ponte Morandi costruito in pochi mesi ma anche per il disastro delle infrastrutture che scontiamo non solo noi ma tutto il quadrante del Nord Ovest. Mi sarebbe piaciuto che tutto questo potesse fare capolino in una kermesse importante come quella di Genova”.

leggi anche
meloni tajani salvini
Leader
Venerdì tutto il centrodestra passa da Genova: in città arrivano Salvini, Meloni e Tajani
Generico luglio 2021
Intesa
Confindustria fa pace con Toti: “Infrastrutture fondamentali per tutti, lo Stato intervenga”