Smart Money: un'ottima opportunità per le startup innovative - Genova 24
Informazione Pubblicitaria

IncentivItalia

Contributo prezioso

Smart Money: un’ottima opportunità per le startup innovative

Stanziati 9,5 milioni di euro dal Ministero dello sviluppo economico

Generico luglio 2021

Nel nostro paese accade spesso che giovani e meno giovani aspiranti imprenditori con idee innovative e grande spirito di iniziativa rinuncino ai propri sogni per mancanza di fondi o perché non riescono a trovare finanziatori che credano nei loro progetti; Smart Money nasce proprio con l’obiettivo di sostenere le giovani start up innovative nello sviluppo di nuove idee di impresa.

“Aspettavamo con trepidazione l’apertura del bando in quanto abbiamo numerosi clienti che hanno idee interessanti ed innovative a cui proporre la partecipazione a Smart Money – ci racconta Claudia Ghiso, CEO di Incentiviitalia – questo bando ci dà la possibilità di richiedere per i nostri clienti un contributo a fondo perduto iniziale di 10.000 euro per acquistare servizi di incubatori, acceleratori di impresa, innovation hub, organismi di ricerca ed altri attori dell’innovazione”.

Questa tipologia di servizi è fondamentale per chi crede nel proprio progetto ma ha la necessità di definirlo e prepararsi al lancio sul mercato. “Avere un ottimo progetto innovativo non garantisce la buona riuscita dell’iniziativa imprenditoriale – prosegue Claudia Ghiso – Spesso per mancanza di fondi ed in alcuni casi per eccesso di presunzione gli aspiranti imprenditori non si avvalgono dei servizi citati finendo per vedere infrangersi i propri sogni alle prime difficoltà. Incentiviitalia nasce con lo scopo di sostenere le aziende sia attraverso la partecipazione ai bandi che consigliando le migliori procedure per attivare, potenziare e consolidare il proprio business e nel caso di una startup innovativa ritengo che quella offerta da Smart Money sia un’opportunità da non lasciarsi sfuggire”.

Discutendo con Claudia non ci è sfuggito un particolare: ci ha parlato di un contributo ”iniziale” che ci fa supporre l’erogazione di fondi successivi. “È vero, il bando prevede, oltre all’erogazione di 10.000 euro nelle modalità che ho descritto prima, un secondo contributo a fondo perduto fino a 30.000 euro per quelle aziende che prevedono finanziamenti in equity da parte degli enti abilitati, business Angels e investitori qualificati”.

“La speranza è che la dotazione finanziaria, in questo caso particolarmente alta, venga sfruttata appieno dagli aspiranti imprenditori perché riteniamo iniziative come quella proposta del MISE attraverso il bando Smart Money, di fondamentale importanza per rilanciare l’economia del nostro amato paese” conclude.