Quantcast
Crisi

Proteste a Cuba, Muzio (Forza Italia): “Toti manifesti solidarietà ai manifestanti”

Depositato un ordine del giorno in Regione

claudio muzio

Genova, Dopo l’incontro con una delegazione della comunità cubana di Genova, svoltosi martedì a margine del Consiglio Regionale, il capogruppo di Forza Italia Claudio Muzio ha depositato un ordine del giorno per chiedere alla Giunta Toti un’espressione di solidarietà nei confronti dei manifestanti che a partire dall’11 luglio sono scesi pacificamente in piazza e per le strade dell’Avana e di altre città cubane per protestare contro l’aumento dei prezzi, la grave situazione economica e la scarsità di approvvigionamenti alimentari e di medicinali e per chiedere maggiore libertà e rispetto dei diritti umani fondamentali e universali.

“La reazione del regime comunista cubano alle manifestazioni, con migliaia di arresti, la dispersione dei cortei, il blocco di alcune piattaforme social, rappresenta un’inaccettabile violazione di diritti fondamentali, a partire da quello di libera manifestazione del pensiero”, dichiara Muzio.

“Come riportato anche da Amnesty International alcuni giorni fa – prosegue – il 16 luglio le autorità cubane hanno reso nota l’intenzione di dare la caccia agli ‘organizzatori’ e agli ‘istigatori’ delle proteste, specificando che saranno considerati tali coloro che cantavano ‘Patria y vida‘ durante le manifestazioni. Ricordo inoltre che si è registrata almeno una vittima tra i manifestanti e ad oggi sono ancora numerose le persone che risultano scomparse, secondo quanto denunciato da diverse organizzazioni umanitarie. Tutto questo in un Paese già piegato da politiche economiche fallimentari e da un’allarmante situazione sanitaria”.

“Come ha scritto quest’oggi in un articolo pubblicato in Italia da ‘La Repubblica’ la blogger Yoani Sánchez – prosegue Muzio – ‘i giovani cubani non protestano solo per il coprifuoco imposto dalla crisi della salute pubblica, o per i tagli ai voli commerciali che impediscono loro di cercare di fuggire in qualche Paese della regione, o per gli aborriti negozi che lavorano solo in valuta estera, dove si possono trovare prodotti che scarseggiano nei negozi che accettano i pesos cubani. Sono tutti motivi per protestare, ma non la ragione principale. Il carburante è l’ansia di libertà, la speranza di vivere in un Paese che dia delle opportunità'”.

“Per tutte queste ragioni – conclude il capogruppo di Forza Italia – ho deciso di presentare un ordine del giorno da discutere in Consiglio Regionale, chiedendo alla Giunta di esprimere la solidarietà di Regione Liguria nei confronti dei manifestanti e di porre in essere iniziative a sostegno della comunità cubana”.

Più informazioni