Quantcast
Informazione Pubblicitaria

IncentivItalia

Prime call

L’Europa rilancia su ambiente e clima

La programmazione 2021/2027 prevede un aumento dei fondi destinati alla salvaguardia dell’ambiente e delle azioni per il clima; si passa dai 3,5 miliardi della programmazione 2014/2020 ai 5,4 di quella che si concluderà nel 2027

Generico luglio 2021

Sono partite nel corso del mese di luglio le prime “call” che intendono supportare la realizzazione di progetti incentrati sulla salvaguardia dell’ambiente e del clima.

L’Unione Europea, fino dalla sua costituzione, ha sempre dimostrato particolare attenzione a questi temi e l’obiettivo del programma è quello di rendere più sensibili i paesi membri supportandoli nella transizione verso l’economia circolare, il rispetto delle biodiversità e un sistema energetico sempre più sostenibile ed a basse emissioni di carbonio.

“L’aumento dei fondi stanziati a tutela dell’ambiente e del clima dimostra una volta di più quanto l’Unione Europea ritenga importante raggiungere obiettivi legati a questi temi – esordisce Claudia Ghiso, CEO di Incentiviitalia – la precedente programmazione 2014-2021 ha permesso a molte enti, aziende ed organizzazioni operanti nei paesi membri di avviare progetti in questo senso ottenendo, oltre ai fondi necessari per la realizzazione degli stessi, grandissimi benefici in termini di risparmio energetico, sostenibilità ed altresì di fatturato”.

Spesso imprenditori o amministratori di enti pubblici e privati, pur riconoscendo l’importanza del passaggio ad un attività più sostenibile, rinunciano ai loro progetti per mancanza di fondi non essendo a conoscenza delle iniziative messe in campo dall’Unione Europea.

“È importante mettere a disposizione di aziende, organizzazioni ed enti pubblici le conoscenze e le esperienze di europrogettisti e project manager- continua Claudia Ghiso- Incentiviitalia è a disposizione di imprenditori ed amministratori pubblici e privati per un primo colloquio informativo gratuito durante il quale discutere della fattibilità e della possibilità che il progetto rientri nel programma delle agevolazioni concesse dall’Unione Europea”.

Come già detto in apertura le prime “call” sono state aperte in questo mese e si concentreranno su temi quali energia pulita, efficienza energetica, natura e biodiversità, economia circolare e mitigazione dei cambiamenti climatici.

“l’Unione Europea sa che ogni piccolo sforzo compiuto da chiunque può contribuire a raggiungere gli obiettivi prefissati ma spesso le persone credono, erroneamente, che il loro progetto o investimento non abbia grande rilevanza in termini di salvaguardia dell’ambiente o di altri temi oggetto di attenzione da parte della commissione europea – conclude Claudia Ghiso – La commissione valuta positivamente qualsiasi iniziativa volta alla sostenibilità ambientale e agli altri temi ad essa connessa”.